Sei in Parma

I turisti in libertà in Italia spendono 2,9 miliardi di euro

Fino al 17 settembre l'ottava edizion e alle Fiere di Parma

10 settembre 2017, 12:30

Chiudi
PrevNext
1 di 7

Ha aperto ieri mattina alle Fiere di Parma l’ottava edizione del Salone del Camper. Il Presidente Gian Domenico Auricchio: “Per nove giorni, 120 mila quadrati di superficie espositiva ospiteranno eccellenze della produzione italiana ed internazionale di veicoli ricreazionali all'interno di un quartiere fieristico totalmente rinnovato. 700 modelli in mostra, oltre 300 aziende presenti e nuove proposte capaci di intercettare forme contemporanee di Turismo in Libertà”.

E’ questo oggi il Salone del camper, un salone baricentrico che negli anni ha voluto e saputo consolidarsi grazie alla collaborazione di Fiere di Parma con APC - Associazione Produttori Caravan e Camper - diventando il secondo appuntamento d’Europa. In questi anni difficili, - continua Auricchio - a differenza di altri comparti dell’economa, il Turismo in Libertà ha saputo resistere e crescere. 8,4 milioni di turisti in libertà, di cui 4,3 stranieri, un fatturato complessivo di 2,9 miliardi di Euro e una percentuale di spesa pari al 23,5% per lo shopping e 58% per la sistemazione ricettiva e la ristorazione. Questa la incoraggiante contabilità del 2016. Un turismo che apprezza le bellezze dell’Italia. Se riusciremo anche a destagionalizzarlo potremo ulteriormente incrementare l’economia del Paese.

A fare un focus sul turismo enogastronomico il Franco Iseppi, Presidente del Touring Club Italiano, e Mauro Rosati Direttore Generale della Fondazione Qualivita. "Il 58% dei turisti stranieri che arrivano in Italia - dice Rosati - ha il piacere di vivere un'esperienza di tipo enogastronomia. Esperienza che nelle grandi città è cosi autentica. Ecco allora che entrano in gioco i territori, capaci di esprimere identità ed autenticità, e di conseguenza il settore del Turismo in Libertà. La crescita cui stiamo assistendo è il frutto di una scommessa vinta, quella degli operatori DOP e IGP che hanno creduto nelle denominazioni di origine trasformando i prodotti in vere e proprie destinazioni”.

Secondo i dati forniti dall'Osservatorio sul Turismo in Libertà 2017 presentati dalla professoressa Valeria Minghetti del CISET,  l’Emilia Romagna Romagna figura tra le prime 5 destinazioni preferite dai turisti in libertà, scelta dal 7,5%. Nel 2016 la regione ha concentrato nel complesso il 9% circa degli arrivi e delle presenze di italiani in libertà ed il 5% degli arrivi e delle presenze di turisti stranieri in libertà in Italia.Totale presenze registrate pari a quasi 4,6 milioni.

Accanto alla vetrina espositiva, il mondo del turismo-avventura degli scout. Campi allestiti con diversi tipi di tende per fare conoscere ai bambini i valori del movimento. E ancora ponti tibetani e climbstation. Un’ iniziativa immersiva e esperienziale, cifra distintiva della ottava edizione del salone.