Sei in Editoriale

EDITORIALE

Redistribuire i migranti è nell'interesse dell'Europa?

di Francesco Bandini -

14 settembre 2019, 10:01

Redistribuire i migranti è nell'interesse dell'Europa?

Il tema di quale politica il nuovo governo intenda perseguire per fronteggiare il fenomeno dell’immigrazione è senz’altro una delle questioni più calde nell’agenda del Conte 2. Di sicuro il M5s non potrà rinnegare l’orientamento che fino a pochi giorni prima della crisi ha sostenuto votando il decreto sicurezza bis. E altrettanto sicuramente il Pd non potrà accettare lo spirito di quella norma che ha sempre così duramente osteggiato. Affinché nessuno perda la faccia, l’obiettivo è evidentemente quello di dirottare il problema sull’Europa, sfruttando il maggior credito di cui l’Italia gode ora a Bruxelles dopo l'uscita di scena di Salvini. In che modo? Con la revisione degli accordi e con una maggior facilità (per non dire automatismo) nella redistribuzione dei migranti nei vari Paesi.
Una cosa che potrebbe anche piacere alla nostra opinione pubblica: in fondo, quando un problema non lo si ha più tutti i giorni sotto il naso perché lo si è esportato altrove, interessa molto meno. Ma la questione resta: queste persone hanno o no titolo per godere della protezione internazionale e quindi per rimanere in Europa? Come sappiamo, nella maggior parte dei casi la risposta è no. 
Se ci sarà una giusta valutazione dello status di ciascuno, con conseguenti rimpatri, la redistribuzione ha un senso. Ma se significa solo «polverizzare» il problema per renderlo meno appariscente, lasciando poi schiere di persone libere di circolare nel nostro continente senza che ne abbiano diritto, di sicuro non si fa un favore all’Europa.

francesco.bandini@gazzettadiparma.it