Sei in Editoriale

Editoriale

L'assegno unico per ogni figlio? Strada giusta

17 ottobre 2019, 08:58

L'assegno unico  per ogni figlio? Strada giusta

ALFREDO ALESSANDRINI
EUGENIO PAVARANI

Associazione Parma per la famiglia
Finalmente tutti d’accordo: la proposta di un assegno unico per ogni figlio, come in molti paesi europei, è diventata patrimonio comune non solo delle associazioni delle famiglie (il Forum delle Famiglie lo chiede da cinque anni), ma anche della politica (tutti i partiti sono d’accordo, anche l’opposizione). Il progetto è formulato nella legge delega a prima firma Delrio in discussione alla Camera. Un assegno unico: 240 euro al mese per ogni figlio dal settimo mese di gravidanza fino ai 18 anni e 80 euro fino al compimento degli studi universitari. Una dotazione unica, semplice, mensile, erogata alle famiglie per il solo fatto che hanno dei figli. «Sarà una rivoluzione» assicura il Ministro dell’Economia, una terapia shock capace di rilanciare la domanda di beni e servizi e di dare una svolta alla drammatica denatalità. Sembrava che la copertura finanziaria potesse venire già dalla legge di bilancio destinando buona parte delle risorse aggiuntive mobilitate dalla Nadef e accorpando la spesa attualmente dispersa in numerose agevolazioni e bonus vari. Se ne riparlerà nel prossimo anno, assicura il Governo confermando che l’assegno unico per la famiglia rimane una priorità della sua azione. Per apprezzare questo orientamento occorre porsi due domande: cosa chiedono gli italiani alla manovra di bilancio? perché l’assegno unico sarebbe veramente una rivoluzione?  Gli italiani chiedono alla politica e ad ogni governo una cosa sola: salvare l’Italia dal declino nel quale è imprigionata da un ventennio. 

Rimettere in moto l’economia, creare lavoro, ridurre le diseguaglianze, contrastare la povertà, porre rimedio a crescenti ingiustizie sociali, dare una prospettiva ai giovani. Più l’asticella è alta e crescente, tanto più occorre una visione sistemica capace di incidere sulla radice comune dei problemi, una strategia di forte discontinuità in grado di dare uno shock al Paese. Occorre la capacità e la volontà di concentrare su pochi obiettivi prioritari le risorse scarse avendo un’idea-guida per il Paese sulle cause della crisi e sulla scala di priorità degli interventi necessari. 
Concentrare le risorse sulle famiglie significherebbe affrontare di petto e contemporaneamente due ambiti emergenziali della crisi: la carenza di domanda e il calo demografico. Che la crisi sia una crisi di domanda è ormai un fatto acquisito, ripetuto dalla BCE in ogni occasione e, più recentemente, ribadito anche da numerosi esponenti dell’Unione Europea. E’ un problema che riguarda l’intera Europa e non solo l’Italia: si esce dalla crisi non facendo austerità ma aumentando la spesa pubblica e privata per consumi e per investimenti. La crisi economica europea dimostra che la sola politica monetaria è utile ma non è sufficiente a rilanciare un’economia in stagnazione e che politiche fiscali restrittive sono addirittura controproducenti. L’Italia ha bisogno di una manovra finanziaria espansiva, concentrata su un bersaglio strategico. 
Sotto questo profilo, l’assegno unico avrebbe un impatto rilevante anche su un altro problema prioritario del Paese: il grave calo demografico. Negli ultimi cinque anni l’Italia ha perso la popolazione equivalente a quella di un’intera città delle dimensioni di Palermo. Non c’è futuro per l’economia di un Paese che dal 2008 ha visto crollare il numero delle nascite e ha subito negli ultimi 5 anni l’emigrazione di 420.000 residenti, per la metà giovani diplomati o laureati tra i  20 e i 34 anni. Non c’è futuro per un Paese che vede crescere rapidamente il rapporto tra la popolazione anziana e quella dei giovani (siamo arrivati a 165 anziani ogni 100 giovani).  L’emergenza denatalità si è accentuata dall’inizio della crisi e nel 2018 ha toccato il minimo assoluto dall’unità d’Italia. L’Istat ha certificato che fare figli è la seconda causa di povertà, dopo la perdita del lavoro dei genitori e ha dimostrato che lo scivolamento verso condizioni di povertà è direttamente proporzionale al numero dei figli. Secondo i dati della Federconsumatori, dalla nascita ai 18 anni un figlio costa 171 mila euro in media: più o meno come una Ferrari. Alle spese di mantenimento si aggiungono vere e proprie iniquità fiscali. A parità di reddito, una famiglia con figli sostiene gli stessi oneri fiscali di una coppia senza figli. Le famiglie che vivono di reddito da lavoro autonomo non beneficiano degli assegni familiari. Gli incapienti non hanno modo di beneficiare delle detrazioni fiscali per figli a carico. Il miracolo economico del dopoguerra  ha generato il fenomeno del baby boom; ora, al contrario, la crisi economica impone prudenza nelle decisioni di mettere al mondo dei figli. Dover decidere di non fare figli è un odioso problema sociale ed è, al contempo, anche un grave problema economico legato alla crescente carenza di popolazione attiva, che frena la possibilità di ripresa economica e ha conseguenze molto pesanti sulla sostenibilità del sistema di protezione sociale. 
La rivoluzione copernicana dell’assegno unico è anzitutto una rivoluzione culturale. Si guarda alla famiglia non più soltanto in una logica di sostegno al bisogno e di contrasto alla povertà. Al bisogno e alla povertà devono essere destinati  specifici provvedimenti, ma è necessario andare oltre. La nuova logica considera i figli non più un bene privato di due coniugi, bensì un bene comune per il sistema paese. Si tratta di dare alle famiglie che fanno figli dignità, coraggio e fiducia nel futuro attraverso la certezza che lo Stato e la collettività sostengono e incentivano chi si fa carico di far crescere e di provvedere all’educazione delle nuove generazioni investendo sul futuro del Paese.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA