Sei in Editoriale

EDITORIALE

Leggi elettorali sempre diverse. Un'anomalia italiana

di STEFANO PILERI -

17 gennaio 2020, 09:09

Leggi elettorali sempre diverse. Un'anomalia italiana

Alla continua e disperata ricerca di un nuovo sistema elettorale. Sembra il destino del nostro malandato Paese. Ieri la Consulta ha detto no al referendum leghista che puntava a  trasformare l’attuale Rosatellum  in un sistema maggioritario. «Quesito manipolativo», lo hanno bollato i giudici costituzionali. «Una vergogna», secondo il leader della Lega Salvini. «Una decisione inevitabile e sacrosanta» per vari esponenti di Movimento 5 Stelle e Pd. Gli stessi che ora contano di introdurre un nuovo sistema elettorale, il cosiddetto «Germanicum», ispirato per l’appunto al proporzionale tedesco  con sbarramento al 5%. Al di là delle opinioni politiche, sta proprio  in questo continuo alternarsi di  leggi elettorali l'ennesima anomalia italiana. Nei Paesi «normali» i sistemi di voto non cambiano da decenni o, addirittura, da secoli. E di solito sono più o meno simili ovunque, dal  consiglio municipale al parlamento. In Italia no:  tutti differenti e in continua trasformazione.
Per quasi cinquant’anni,  dalla Costituente in poi, abbiamo votato con una legge proporzionale che avrà avuto i suoi difetti ma, per lo meno, era sempre quella. Dal ’94  abbiamo visto il Mattarellum,  il Porcellum, il Consultellum (mai utilizzato), l’Italicum (anch’esso approvato e mai utilizzato) e infine il Rosatellum, con cui abbiamo votato nel 2018. Almeno quattro, di questi cinque sistemi elettorali, sembrano essere nati con un solo scopo: far perdere le elezioni all’avversario della maggioranza di turno. Obiettivo fallito, quasi sempre. In compenso, però, sono riusciti a far perdere  interesse e fiducia nella politica a sempre più italiani.