×
×
☰ MENU

editoriale

Coalizioni fragili si avviano verso il voto

Coalizioni fragili si avviano verso il voto

di Luca Tentoni

19 Maggio 2022,14:24

Anche se si voterà soltanto fra poco meno di un anno, la campagna elettorale per le politiche del 2023 è iniziata da tempo.
Alcuni leader hanno approfittato della guerra per smarcarsi dalla maggioranza che sostiene Draghi, minacciando una crisi che non avranno mai il coraggio di far deflagrare; certi partiti tengono alta la tensione perché sperano di raccattare qualche dividendo elettorale, anche se ora i sondaggi gli sono ampiamente sfavorevoli. Il problema di manovre politiche spericolate e di differenziazioni nette anche rispetto ai partner della stessa coalizione pone il serio problema di quale offerta si presenterà all'elettorato nel 2023. Avremo poli uniti da un patto di potere e dalla semplice necessità di sfruttare al massimo le potenzialità di una legge elettorale che in parte è maggioritaria, oppure ci sarà un chiarimento - sia a destra, sia a sinistra - che produrrà convergenze su posizioni comuni o aprirà la strada alla proporzionale (che permetterebbe a ciascuno di correre liberamente per conto proprio)? Quando il cittadino elettore entrerà nella cabina elettorale, fra quasi un anno, troverà sulla scheda i partiti e i candidati di coalizione al collegio uninominale.

Il voto al partito, si sa, è quello "del cuore", ma quanti supereranno le proprie resistenze nel trovarsi a dover scegliere un candidato di collegio che ha una storia e una posizione politica anche molto lontana dalla propria? Per intenderci, un elettore leghista non atlantista, non europeista e magari filorusso (ce n'è qualcuno) potrebbe mai votare nel proprio collegio la Carfagna, esponente dell'ala centrista, non filoleghista, ma atlantista ed europeista di Forza Italia? Nel "campo largo", invece, se Conte recuperasse Di Battista o candidasse il professor Orsini, chi mai fra gli elettori del Pd potrebbe voler mandare uno dei due in Parlamento? In parole povere: i leader dei partiti che vogliono presentarsi in coalizione sono sicuri che i propri elettori siano disposti a seguirli acriticamente in ogni caso e circostanza? Perché un grillino "duro e puro" dovrebbe votare Letta?

L'ingegneria coalizionale, insomma, è qualcosa di calato dall'alto, che però deve avere anche un riscontro nella base. Persino quando Prodi dette vita al larghissimo schieramento ulivista del 2006, ci fu chi fece notare che si mettevano insieme sensibilità e posizioni non solo diverse, ma talvolta opposte. Il “campo larghissimo” servì per vincere di misura ma non per governare a lungo. A destra, per esempio, è abbastanza chiaro che Berlusconi e Salvini non accettano la leadership di Giorgia Meloni (che invece è nei numeri: chi arriva primo, vince e va a Palazzo Chigi o almeno guida la coalizione) e che quest'ultima è tentata dal rompere i ponti con Lega e FI. Così a sinistra, dove i Cinquestelle tirano troppo la corda per non sapere che a un certo punto il Pd li lascerà andare verso il proprio destino di marginalità parlamentare che li attende nella prossima legislatura (anche perché, ad oggi, il "campo largo" perderebbe le elezioni, dunque, alla peggio, sarebbe meglio presentare una coalizione più piccola e coesa che un caravanserraglio).

Una riforma elettorale potrebbe essere utile, ma lo sarebbe di più una scomposizione e ricomposizione del quadro politico, correndo il rischio di avere un Parlamento più o meno ingovernabile come quello del 2018 (che tuttavia ha visto l'attuale legislatura durare più di quelle del 1968, 1972, 1976, 1979, 1983, 1992, 1994 e 2006); fra l'altro, nulla ci assicura che anche con le alleanze correnti si possa creare una maggioranza di governo con numeri non risicati dopo le elezioni del 2023. Se i partiti non prendessero l'iniziativa, sarebbe facile per gli elettori preferire l'astensione di protesta, che non aiuterebbe certo la fragile democrazia italiana a crescere.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI