×
×
☰ MENU

San Polo d’Enza

Riciclaggio, si aggrava la posizione dei due fratelli arrestati per truffa

Riciclaggio, si aggrava la posizione dei due fratelli arrestati dai carabinieri per truffa

02 Dicembre 2021,10:11

Rispondevano ad inserzioni online e fingendosi interessati all'acquisto svuotano i conti correnti dei malcapitati inserzionisti proponendo loro pagamenti immediati attraverso postazioni ATM. Grazie a una complessa attività investigativa avviata, a fine ottobre, a seguito della denuncia dell’ennesima vittima che, attraverso artifizi e raggiri, era stata indotta ad effettuare 2 ricariche per un importo complessivo di circa 270 euro, credendo che in tal modo avrebbe ricevuto il pagamento per la vendita di 4 pneumatici da neve, la cui vendita aveva pubblicizzato sul sito www.subito.it, i carabinieri di San Polo d’Enza, lo scorso mese di novembre avevano arrestato nel bresciano due fratelli di 26 e 20 anni residenti a Rezzato (BS) finiti in manetta con l’accusa di concorso nel reato continuato di utilizzo indebito di carte di credito. Ora la posizione dei due fratelli bresciani si è aggravata. 

Nel proseguo degli sviluppi investigativi,  infatti, i carabinieri della stazione di San Polo d’Enza  hanno accertato come i due fratelli, servendosi di 6 carte postepay intestate a terzi, compivano molteplici operazioni di prelievo e ricarica verso altre carte volte ad ostacolare la provenienza delittuosa della somma complessiva di circa 4.000 euro provento di due truffe consumati ai danni di una 47enne bolognese e una 23enne bresciana, vittime anche loro della cosiddetta "truffa al contrario" che le ha viste, anziché ricevere i soldi per vendite da loro fate online, ritrovarsi il conto svuotato.

Ai due fratelli i carabinieri di San Polo d’Enza erano giunti, grazie anche al supporto dell’Ufficio Antiriciclaggio di Poste Italiane, attraverso l’individuazione degli ATM degli Uffici Postali maggiormente utilizzati per le operazioni di riscossione dei proventi delittuosi. Circostanza che ha visto i militari sampolesi attuare,  in trasferta, un mirato servizio in borghese nel corso del quale, sorprendevano, in flagranza di reato, i due fratelli bresciani che, presso un ATM postale di un comune della provincia di Brescia, effettuavano prelievi per un importo totale di 2.240 euro, provento di un’altra truffa ai danni dell’ennesima ignara vittima che aveva ricaricato inconsapevolmente le carte elettroniche in uso ai truffatori ritenendo invece di incassare i soldi di quanto aveva venduto online. Nel corso dell'attività i carabinieri di San Polo d’Enza ponevano sotto sequestro, sue carte PostePay rinvenute nella disponibilità degli indagati. Postepay che attraverso ulteriori accertamenti sono risultate essere utilizzate anche per riciclare i proventi delle truffe circostanza per cui i due veniva denunciati anche per il reato di riciclaggio.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI