Eventi

L'omaggio della Corale Verdi

  • DATA - ORA INIZIO:28/10/2015 17:00
  • DATA - ORA FINE:28/10/2015 19:00
L'omaggio della Corale Verdi

Un progetto ambizioso, che guarda lontano. La Corale Verdi, in occasione dell’usuale concerto inserito nel cartellone degli eventi collaterali del Festival Verdi, quest’anno propone alla città «Il Primo Verdi» , una selezione di brani tratti dall’opera «Oberto, Conte di San Bonifacio». L’intento è quello di ripercorrere l’intera produzione del Maestro, con un’opera ogni anno in ordine cronologico, per i prossimi 27 anni. L’appuntamento è per oggi, alle 17, al Ridotto del Teatro Regio, dove oltre a dare spazio ai brani della prima opera verdiana, interpretati dalla Corale Verdi e da giovani solisti diretti da Fabrizio Cassi, si cercherà di evidenziare anche la componente umana ed esperienziale del Maestro, al suo esordio in campo operistico, alternando le arie alla lettura di carteggi.
«La Corale Verdi: 110 anni portati bene – ha commentato, presentando l’iniziativa, Anna Maria Meo, direttore generale del Teatro Regio –. Questa rete di associazioni, vive e presenti, è una vera ricchezza sulla quale Parma può contare. Siamo onorati di ospitare questo concerto e sono certa che la città risponderà al meglio». Anche Andrea Rinaldi, presidente della Corale Verdi, ha usato parole di grande entusiasmo. «Spero che questo progetto sia foriero di lunga vita – ha commentato –. Fra 27 anni noi speriamo di essere ancora qui a celebrare il Maestro». «Un grazie speciale va agli sponsor, ai solisti e ai collaboratori» ha aggiunto Enrica Valla, responsabile delle relazioni esterne della Corale Verdi. Determinante, per la realizzazione dell’evento, è il sostegno della Società Ocm, che già nella scorsa edizione del Festival Verdi aveva creduto nella Corale, e di Banca Intesa Sanpaolo. «La volontà è quella di sostenere la cultura in un contesto di parmigianità - ha spiegato Antonio Amadasi, amministratore unico di Ocm -. In particolare questo progetto si indirizza alla riscoperta del patrimonio storico-artistico della città di Parma, valorizzando l’identità culturale del territorio». A dare voce all’opera e alla vita del Cigno saranno: Silvana Froli, soprano; Leonora Sofia, mezzosoprano; Kou Ying, tenore; Myeongjun Shin, basso. A dirigere il coro sarà Fabrizio Cassi, accompagnato dal pianoforte di Claudio Cirelli e dalla voce recitante di Stefania Maceri. Il concerto inizierà alle 17 al Ridotto con ingresso libero.