Eventi

Opus presenta Vesperum: musica live

  • DATA - ORA INIZIO:09/04/2016 21:00
  • DATA - ORA FINE:09/04/2016 23:59
Opus presenta Vesperum: musica live

L'esposizione di OPUS ad opera di C999 ed Erresullaluna+Chuli Paquin, nella chiesa di San Ludovico, è anche l'occasione per animare lo spazio per tutto il tempo del Festival della Creatività contemporanea Parma 360.
Fino al 15 maggio l'opera evolverà e mostrerà i suoi numerosi volti, intrecciandosi a eventi che sfrutteranno al massimo le potenzialità del luogo e dell'opera stessa.
Silvano Orlandini ha organizzato VESPERUM, una serie di concerti ed eventi musicali di artisti italiani ed internazionali, mentre Leo Van Moric, con il suo innovativo progetto di Arte&Tecnologia, www.leovanmoric.it , dopo aver prodotto l'opera OPUS,  è il produttore anche di questa rassegna live, realizzata in collaborazione con V-Bar Natural.
Si parte sabato 9 aprile, alle 21.00, con la performance di Paolo Spaccamonti, chitarrista sperimentale torinese che porta avanti numerose collaborazioni, mettendo assieme linguaggi diversi, dai live musicali alle sonorizzazioni di film muti come Drifters (al fianco Ben Chasny / Six Organs Of Admittance) nonché dei documentari 'Vite da recupero' e 'Una storia di trasporto' e tanto altro. 
Venerdì 15 aprile sarà la volta di OPTOGRAM, progetto parmigiano che, tramite atmosfere cupe ed inquietanti, IDM, ambient, glitch e techno, intende rappresentare il lato più oscuro dell'animo umano, tra perversioni, paure e ossessioni.
Sabato 16 si esibiranno i Father Murphy di Venezia che negli anni sono stati riconosciuti tra le realtà più enigmatiche di quella scena definita come “psichedelia occulta italiana”.
Venerdì 22 aprile tocca a Indigo Children, il parmigiano Giacomo Storci unirà una serie di impulsi analogici armonici e dissonanti perché interagiscano con l'acustica che la chiesa offre, utilizzando una strumentazione modulare, esplorandone le due facce: quella puramente scientifica e quella imprevedibile, mentre sabato 23 aprile si potrà ascoltare la magica chitarra acustica del catanese Agostino Tilotta (fondatore di Uzeda e Bellini) che punterà ad incantare gli spettatori con un percorso sonoro che mira alle emozioni più autentiche. 
Mercoledì 27 aprile arriva da Reggio Emilia il noise/post rock di Orca, quartetto che proporrà atmosfere magnetiche dalle molteplici sfaccettature.
Giunge invece da Los Angeles l'ospite di venerdì 29 aprile Miles Cooper Seaton, già voce e basso degli Akron/Family, che promette un live intimo e imprevedibile, dai tratti trasognati e al contempo inesorabili, grazie ai quali sarà difficile lasciare l'ascoltatore indifferente.
Cabeki da Verona animerà la serata di mercoledì 4 maggio, si tratta del progetto strumentale di Andrea Faccioli (Le Luci Della Centrale Elettrica) che coniuga strumenti convenzionali come chitarra, strumenti d'epoca come Ukelin, loop station e altro ancora, garantendo ambientazioni sonore che vanno dal post rock al blues, un suono complesso ma a tratti addirittura minimale.
Sabato 7 maggio arriva invece da Vicenza Eterea Post Bong Band, gruppo post rock elettronico, attivo dalla fine degli anni novanta, dai ritmi incalzanti e sperimentali, che compone i suoi suoni campionando anche oggetti di uso comune come pentole e macchine da scrivere.
Chiude la rassegna, sabato 14 maggio, il concerto di Josephine Foster, artista originaria del Colorado ora residente in Andalucia. Rivisitando lieder e arie classiche con arrangiamenti e strumentazioni mutuati, di volta in volta, dal blues acustico, dall’acid-folk, dal jazz delle origini o dal cerimoniale degli indiani americani, la Foster ha adattato il suo soprano spettrale e il suo picking scarno alla maniera freak in auge negli anni 2000 generando sonorità eteree e fuori da qualsiasi collocazione temporale.