Eventi

Ruggeri, il «volo» su Fontevivo

  • DATA - ORA INIZIO:26/08/2016 21:30
  • DATA - ORA FINE:26/08/2016 23:58
Ruggeri, il «volo» su Fontevivo

Un viaggio incredibile nella musica, attraverso la sua straordinaria carriera di cantautore di spessore: in versione unplugged, accompagnato da Luigi Schiavone alla chitarra e Francesco Luppi alle tastiere, sale sul palcoscenico della rassegna estiva Musica in Castello Enrico Ruggeri ripercorrendo in chiave acustica quarant’anni di successi da «Contessa» a «Peter Pan» fino al recente «Il primo amore non si scorda mai», brano con cui Ruggeri ha partecipato al Festival di Sanremo 2016 classificandosi quarto.
Venerdì alle 21.30 nel parco dell'Ex Convento dei Cappuccini a Fontevivo, grazie alla collaborazione tra Piccola Orchestra Italiana ed il Comune è in programma un grande evento a ingresso libero: tra gli autori d’eccellenza per le interpreti femminili, Ruggeri nei suoi testi ha spesso affrontato temi d'impegno sociale e civile.
L'album «Un viaggio incredibile», come il precedente «Pezzi di vita», è composto da due cd: il primo con nove pezzi inediti, con aggiunte quattro bonus track dedicate a David Bowie, scomparso l'8 gennaio, e il secondo contenente quindici brani storici del cantautore riproposti con un nuovo arrangiamento.
La carriera di Ruggeri inizia nel 1977 con il gruppo Decibel, insieme al quale nel 1980 calca il palcoscenico del Festival di Sanremo con il brano “Contessa”. Subito affermatosi fra i protagonisti del panorama musicale italiano, si presenta a Sanremo ancora due volte, nel 1984 e ancora nel 1986, anno in cui conquista il premio della critica con il brano “Rien ne va plus”. L’anno dopo Ruggeri trionfa all'Ariston insieme a Gianni Morandi e Umberto Tozzi cantando “Si può dare di più”. Il brano che segna la sua carriera arriva nel 1993, quando Ruggeri vince Sanremo con il brano “Mistero”. Al festival nazionale della musica italiana Ruggeri torna ancora nel 1996 con “L’amore è un attimo”, nel 2002 con “Primavera a Sarajevo” (5° posto), nel 2003 insieme ad Andrea Mirò con “Nessuno tocchi Caino” (4° posto), e nel 2010, con “La notte delle fate”. La sua discografia da solista conta venticinque album e decine di singoli, oltre a diverse collaborazioni musicali come autore di canzoni (fra le più famose “Quello che le donne non dicono”, cantata da Fiorella Mannoia). Fra i suoi ultimi lavori, nel 2013, il singolo “Diverso dagli altri”, che anticipa di poco il concept album “Frankenstein” ispirato al romanzo di Mary Shelley, di cui nel 2014 Ruggeri ha pubblicato una rivisitazione in chiave elettronica dal titolo “Frankenstein 2.0”, ultima fatica del cantautore che nell’album ha incluso anche quattro inediti, tra cui il brano “L’onda”. E' da pochi mesi uscito in radio il nuovo singolo “Il volo su Vienna”, secondo estratto dal doppio album ”Un viaggio incredibile”.
La rassegna “Musica in Castello” sostiene il progetto solidale Dynamo Camp ed è firmata da Piccola Orchestra Italiana con la direzione artistica del maestro Marco Gerboni con la collaborazione di tutti i Comuni inseriti in cartellone che ospitano i concerti. Riserva inoltre alcuni posti agli ospiti del Centro Cardinal Ferrari. r.s.