Eventi

«Il viaggio di Fanny» da una storia vera

  • DATA - ORA INIZIO:27/01/2017 16:40
  • DATA - ORA FINE:27/01/2017 23:30
«Il viaggio di Fanny» da una storia vera

«Dopo gli ebrei cercheranno altri bersagli». Il grido d’allarme, attualissimo anche ai giorni nostri, è di Fanny Ben-Ami, francese, 86 anni, scampata dai nazisti nel 1943, grazie ad una incredibile impresa di un gruppo di ragazzini al confine tra Francia e Svizzera. La regista Lola Doillon ne ha tratto un film, interpretato esclusivamente da bambini, che è risultato vincitore al Giffoni Film Festival 2016: «Volevo raccontare la storia di chi è costretto a crescere velocemente», ha detto Doillon.
A guidare i bambini nella fuga è Fanny, una ragazzina di 13 anni, protagonista de «Il viaggio di Fanny», nelle sale The Space Cinema italiane oggi e venerdì per il giorno della memoria. «Il viaggio di Fanny» è stato importato e lanciato da Lucky Red. Questa la trama: la piccola Fanny, ebrea, viene portata in una colonia di montagna per evitare l’avanzata dei tedeschi. Ma deve subito fuggire, seguita da sorelline e compagne di scuola. Al pubblico viene offerta la shoah vista con gli occhi dei più piccini.
Fanny ha voluto lanciare un messaggio contro l’antisemitismo e l’odio che oggi respiriamo ancora, proprio in Francia e in Europa. «Desidero che il mio messaggio – spiega l’anziana - signora – venga compreso perché drammi di questo genere non si ripetano. Viviamo in una epoca molto fragile, da ogni parte si levano voci che ricordano quelle che si sentivano allora».
A Parma il film viene proposto venerdì: al The Space del Barilla Center alle 17.50 e alle 20.10, al Parma Campus alle 16.40, 19, 21.30.