Eventi

Giobbe Covatta sulle orme di Tommasini

  • DATA - ORA INIZIO:10/05/2017 17:00
  • DATA - ORA FINE:10/05/2017 19:00
Giobbe Covatta sulle orme di Tommasini

La decima edizione del Premio istituito dalla Fondazione Mario Tommasini è assegnata Giobbe Covatta, attore, comico, scrittore, testimonial dell’African Medical and Research Foundation, per il suo impegno sul fronte dei diritti, in particolare per i bambini d’Africa, e per la messa in scena dello spettacolo teatrale «Matti da Slegare», che riprende anche nel titolo uno dei maggiori impegni di Mario Tommasini, la lotta contro la segregazione della malattia mentale.
La cerimonia è fissata per oggi alle 17 all'Auditorium del palazzo del Governatore, in piazza Garibaldi 2. «L’Africa - ha detto Bruno Rossi, in qualità di presidente della Fondazione Mario Tommasini, annunciando l'assegnazione a Giobbe Covatta - è un luogo in cui esistono molte gabbie da disfare», molte restrizioni che impediscono a milioni di persone di essere libere. «Chi ha il coraggio di lottare al fianco degli ultimi, là dove la povertà si fa più aggressiva, - ha aggiunto Bruno Rossi - merita il giusto riconoscimento, ed è per questo che la fondazione ha deciso di assegnare il premio a Covatta». Attore, comico, scrittore, ma anche uomo di grandi passioni come l’impegno per i diritti ed in particolare dei bambini: sulle orme di Tommasini, per questo Giobbe Covatta è stato scelto per il premio. I temi cari a Covatta corrono sul solco di Mario: il diritto al cibo, all’acqua, all’ istruzione per i bambini dell’Africa, la lotta per la difesa dell’ambiente. Grande affabulatore, ci racconta i mali del mondo con ironia e leggerezza, cogliendo le ingiustizie, le diseguaglianze, ma anche i difetti e i vizi dell’umanità. La sua coerenza ci porta al suo impegno in Africa, per cui è testimonial di Amref, alle battaglie al fianco di Greenpeace in cui il teatro è stato ed è il grande “palcoscenico” per parlare, per raccogliere solidarietà. E oggi con lo stesso teatro ci porta un pezzo dal titolo «matti da slegare»: titolo che avrebbe raccolto il sorriso di Tommasini.