Eventi

Matteo Fedeli: «La voce del violino per l'Hospice»

L'apprezzato solista torna a Parma per un evento benefico a favore del Centro di cure palliative delle Piccole Figlie

  • DATA - ORA INIZIO:25/06/2017 21:15
  • DATA - ORA FINE:25/06/2017 23:00
Matteo Fedeli: «La voce del violino per l'Hospice»

di Lucia Brighenti

Dieci anni di attività meritoria, celebrati con la serenità della musica di Fauré, il caldo suono di un prezioso violino Guarneri del 1709 e la meravigliosa ambientazione della Cattedrale di Parma. E' inserito nel programma «10 anni, mille storie» il concerto che si terrà domenica alle 21.15, organizzato dall’associazione di volontariato Amici delle Piccole Figlie Onlus nell’ambito delle celebrazioni per il decennale dell’Hospice di Parma e della stessa associazione, che da sempre sostiene il Centro di Cure Palliative. Nella prima parte del concerto la Corale Verdi, diretta dal maestro Andrea Chinaglia, sarà impegnata nell’interpretazione del Requiem di Fauré, con Azusa Kinashi (soprano), Marco Granata (baritono) e Claudio Cirelli al pianoforte. Seguirà il recital di Matteo Fedeli (ormai noto in città per essere tornato più volte suonando antichi violini Stradivari), con Carlo Balzaretti al pianoforte.
«Il 2017 è un anno di celebrazione e di consapevolezza di ciò che è stato e ciò che sarà. – osserva Enrica Valla, presidente dell’associazione Amici delle Piccole Figlie - In questo momento così significativo abbiamo voluto coinvolgere il maestro Fedeli, testimonial insieme ad Amanda Sandrelli dell’associazione e dell’Hospice, e la Corale Verdi, sempre disponibile a dare sostegno alle attività a favore del Centro Cure Palliative. L’obiettivo dell’evento è duplice: continuare a sensibilizzare la città sull’importanza delle cure palliative e dare visibilità, al di fuori della struttura, al delicato lavoro di volontariato che vi si svolge, con l’intento di sollecitare la disponibilità di nuovi volontari. La serata sarà anche l’occasione per raccogliere fondi per sostenere le necessità dell’Hospice». Il programma si aprirà con il Requiem del compositore francese Gabriel Fauré: «Si tratta di un’isola rispetto ad altri requiem, - spiega il maestro Andrea Chinaglia – perché non guarda alla punizione e alla colpa. Se pensiamo a quello di Verdi, per esempio, ci vengono subito in mente il Dies Irae e i momenti più drammatici, mentre Fauré aveva un rapporto con la morte sereno, non drammatico. Nel suo Requiem traspare una visione personale non solo della musica ma anche della fede, tanto da “scombinare” il testo liturgico e ometterne alcune parti, come il Dies Irae. Dal punto di vista musicale, si tratta di musica francese nel senso più profondo del termine: hanno molta importanza i timbri e si riconosce qualcosa di Debussy e Saint-Saëns». Nella seconda parte della serata, il maestro Matteo Fedeli farà ascoltare il suono del prezioso violino settecentesco: «Suonerò uno strumento creato nel 1709 da Pietro Giovanni Guarneri, – spiega – figlio del capostipite della bottega. È un violino che, come tutti quelli di questa scuola, ha una voce molto calda e una sonorità potente e maestosa. In questo si differenzia dagli Stradivari che prediligono un suono cristallino e brillante. Con Carlo Balzaretti abbiamo scelto un repertorio dinamico che attraversa la storia della musica: inizieremo con il musical ‘Fiddler on the Roof’ (‘Il violinista sul tetto’), per proseguire con ‘Après un rêve’ di Fauré, la Danza Spagnola di De Falla, il Preludio e Allegro di Kreisler/Pugnani, le Danze Rumene di Bartòk. Sono felice e orgoglioso di essere testimonial dell’associazione Amici delle Piccole Figlie e dell’Hospice, struttura che conosco da vicino avendo suonato anche per i suoi ospiti: fare questo concerto ha qualcosa di magico perché fa vivere una forte emozione non solo a chi riceve ma anche a chi dona la musica». Il concerto ha il patrocinio di Regione Emilia Romagna, Comune di Parma, Fabbriceria del Duomo, Lions Club Maria Luigia di Parma e il sostegno di ADR66, Chiesi Farmaceutici S.p.a., Fondazione Cariparma, Movimento Italiano per la Gentilezza, Gruppo Infor, Ocm, Opem, Salvatore Robuschi Pompe. Partner tecnici sono Area Italia e Ibis Styles. L’ingresso è a offerta libera.