Eventi

Dopo X-Factor, «Rumore» dei Ros

  • DATA - ORA INIZIO:14/04/2018 22:00
  • DATA - ORA FINE:14/04/2018 23:59

di Maria Teresa Angella

Sono tre ragazzi poco più che ventenni, arrivano da Montepulciano in provincia di Siena e il 14 aprile alle 22 saranno al Campus Industry per la terza tappa del loro primo tour itinerante su e giù per lo stivale.
Stiamo parlando del power-trio dei ROS composto dalla frontwoman con i capelli fucsia Camilla Giannelli, il bassista Kevin Rossetti e il batterista Lorenzo Peruzzi, semifinalisti della sezione gruppi all’undicesima edizione di X-Factor dove sono stati seguiti da Manuel Agnelli, leader degli Afterhours. Dopo il successo televisivo e il loro primo disco «Rumore», che prende il titolo dall’inedito, i ROS arrivano sui palchi di tutta Italia con «Rumore in Tour» pronti a far scatenare con il loro energico mix di sonorità punk, rock e indie.
Abbiamo fatto qualche domanda a Camilla partendo dal nome «ROS» che non ha un unico significato…
«In principio era l’acronimo di “Revenge On Stage” perché volevamo avere una rivincita nei confronti di tutti coloro che non avevano creduto in questa impresa. Poi questo riscatto c’è stato e il significato di ROS si è legato molto anche al colore rosso e al fucsia, che rimandano all’immagine della forte energia che vogliamo trasmettere».
Rock italiano sarebbe la definizione più generica per il vostro stile, ma in realtà c’è molto di più…
«Abbiamo cercato di creare una novità in Italia riprendendo le sonorità del rock moderno internazionale (come i Muse, i Royal Blood e gli Arctic Monkeys) riportandole alla lingua italiana e a una voce femminile. Non è stato facile, ma si è rivelato molto stimolante e divertente».
L’esperienza di X-factor vi ha aiutato ad uscire dall’anonimato?
«X-Factor è stata una sfida con noi stessi. Abbiamo avuto la fortuna di lavorare con Manuel Agnelli, che ci ha aiutato a trovare la nostra identità, a crescere e ad andare oltre per costruirci una carriera musicale».
Veniamo al tour, il vostro ambiente naturale è il palco, cosa porterete in giro per l’Italia?
«Abbiamo costruito una scaletta piena di sorprese: ci saranno alcune cover proposte a X-Factor, vecchi inediti a cui siamo molto legati e suoneremo in anteprima alcuni pezzi del nuovo disco non ancora uscito. Inoltre abbiamo organizzato uno spettacolo forte, scenografico e pieno di sorprese. Siamo nati come band da guerra, da palco, e non vediamo l’ora di iniziare questo tour che racchiude veramente tutta l’essenza dei ROS».
Siete mai stati a Parma?
«No, ma siamo felici di poter visitare tante città grazie al tour. Siamo molto felici di venire al Campus Industry e spero che avremo il tempo per visitare Parma».
Prevendita biglietti su Ticket One, online e nei punti vendita a 13 euro più prevendita, 15 euro in cassa il giorno del concerto.