Eventi

Cornazzano stasera veglione di chiusura e fuochi d'artificio

  • DATA - ORA INIZIO:31/07/2018 20:00
  • DATA - ORA FINE:31/07/2018 23:59
Cornazzano stasera  veglione di chiusura e  fuochi d'artificio

C’è una festa diversa da tutte le altre che, da quasi un secolo si conferma, ogni volta, un irrinunciabile appuntamento campestre per diverse migliaia di contadini, famiglie con bambini, giovani e affezionati buongustai: nel fazzolettone verde della Bassa, tra Viarolo e Vicomero, si prepara al gran finale di stasera la 96esima edizione della Fiera agricola del Cornazzano dove, tradizione e innovazione, come da tradizione, sono andati a braccetto.
Anche quest’anno la kermesse agricola, organizzata e messa in piedi dal comitato «Fiera del Cornazzano» in collaborazione con l’Asd Viarolese, è andata in scena nel podere dei fratelli Fanfoni. Un evento davvero unico nel suo genere per mettere giustamente al centro dell’attenzione la terra e chi, ogni giorno, se ne prende cura instancabilmente, ovvero un gruppo di agricoltori che portano avanti con determinazione le tradizioni dei loro vecchi: Simone Bocchi, Federico Grisenti, Luca Zoni, Cristian Pavarani, Andrea e Francesco Ravasini, Luca Manghi, Roberto Fanfoni, Andrea Vezzoli, Davide Montali, Manuel Delgrano, gli autentici «anfitrioni» di questa festa che è cresciuta negli anni e che è sopravvissuta anche alla guerra.
«La fiera del Cornazzano è la festa contadina per eccellenza che naviga a vele spiegate verso il traguardo del secolo di vita ma riesce, ugualmente a richiamare agricoltori di ogni generazione - spiegano Simone Bocchi e Cristina Casoli, due dei promotori dell’evento -: è diversa da tutte le altre per la location scelta in quanto un campo, per l’occasione, diventa fiera. Tra il profumo di fieno, i carri agricoli parcheggiati qua e là e l’autentico spirito paesano di una volta, la distesa campagnola si fa teatro di una fiera ormai unica nel suo genere, per Parma e provincia. In queste giornate di festa, sono state circa diecimila persone che hanno preso d’assalto la fiera del Cornazzano, per non perdersi le numerose attrattive in programma: dallo spettacolo della seguitissima gara di fast pulling (la competizione di potenza di mezzi agricoli, motrici di tir e veicoli ibridi) - curata dal comitato «Fiera del Cornazzano» in collaborazione con gli «Amici della Piccola day» - alla mostra delle macchine agricole nuove e d’epoca, dall’antica arte casearia al taglio del Parmigiano-reggiano fino allo sfalcio dei prati con mezzi meccanici antichi. Spazio anche al divertimento per i piccoli con il luna park, giochi d’«altri tempi», truccabimbi e spettacoli con il mago.
Questa sera grande attesa per il veglione di chiusura: a partire dalle 20, è prevista la tradizionale «cena fra le stoppie» sotto la bettola, per la regia dell’asd Viarolese, con piatti dell’antica tradizione contadina fra i quali le immancabili «sjorènni», le anatre novelle arrosto specialità della cucina del posto, mentre alle 22 si esibirà l’orchestra Luca Canali e, a seguire i fuochi d’artificio.