Eventi

Mercato Campagna amica al Barilla Center

  • DATA - ORA INIZIO:15/12/2018 10:00
  • DATA - ORA FINE:15/12/2018 12:30
Mercato Campagna amica al Barilla Center

Sabato 15 dicembre al Mercato di Campagna Amica al Barilla Center di Parma, atmosfere natalizie e suggestioni legate alle tradizioni locali con protagonista una piccola Arca di Noè per conoscere da vicino la pecora cornigliese dell’allevatore Ettore Rio, della zona di Monchio, che cura un gregge transumante di oltre cinquecento esemplari.

Dicono gli organizzatori:
Si tratta di un’antica razza dell’alto Appennino Emiliano impiegata per la produzione di lana, latte e carne, censita e salvata dall’estinzione grazie al lavoro di generazioni riconosciuto e sostenuto dai “sigilli” della biodiversità di Campagna Amica, tesi alla difesa e valorizzazione della biodiversità come valore non solo naturalistico e di promozione territoriale ma anche come distintività e valore aggiunto alle produzioni agricole di qualità del Made in Italy. La visita dell’Arca di Noè sarà allietata dalle canzoni della tradizione locale con i pastori cantori del territorio dell’Appennino che accoglieranno i cittadini consumatori, famiglie e bambini coinvolgendoli con le loro melodie. Sarà anche l’occasione per proseguire la raccolta firme per dire stop al cibo anonimo, la petizione europea “Eat original!Unmask your food” (Mangia originale, smaschera il tuo cibo), che dopo la sottoscrizione di rappresentanti del mondo dello sport cittadino, vedrà sabato 15 dicembre altre firme eccellenti del mondo delle Istituzioni. Hanno già confermato, infatti, la loro presenza esponenti del mondo istituzionale locale, tra cui l’Assessore alle Attività Produttive Cristiano Casa, la Consigliera regionale Barbara Lori, il Presidente dell'Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale Agostino Maggiali, il Prof. Filippo Arfini dell’Università di Parma, il Presidente di Terranostra Parma Luca Paolo De Martin che, insieme al Presidente di Coldiretti Parma Nicola Bertinelli, al Vice presidente Luca Cotti e al Direttore Alessandro Corsini, firmeranno la petizione per chiedere alla Commissione di Bruxelles di agire sul fronte della trasparenza e dell’informazione al consumatore sulla provenienza di quello che mangia e ottenere un’etichettatura obbligatoria che indichi l’origine di tutti gli alimenti. Anche i cittadini consumatori che non avessero ancora firmato la petizione potranno apporre la loro firma presso lo spazio informativo di Coldiretti allestito ad hoc e fare acquisti enogastronomici direttamente dai produttori agricoli, per imbandire la tavola delle feste o fare regali di qualità per il Natale.