×
×
☰ MENU
☰ MENU

Le Zebre contro il Cardiff per correre ancora

Fare il bis. Forse non un imperativo categorico, ma un serio proposito sì. La vittoria di Galway ha… galvanizzato i bianconeri che avevano bisogno di una vittoria per ritrovare punti e spirito. Ritrovata anche la prestazione e, come sempre, è dalla prestazione che passa una vittoria. Che è da ripetere oggi al Lanfranchi (alle 14), per poter battere i Cardiff Blues nella prima di due partite casalinghe consecutive.
Non con gli stessi effettivi di sabato scorso, però, in quanto la concomitante giornata del 6 Nazioni priva le Zebre di Canna e Mbandà. Lo staff tecnico azzurro aveva liberato Fabiani, Chistolini, Bisegni e Giammarioli, ma quest’ultimo non è della contesa a causa di un infortunio.
Bradley, dunque, è costretto ad alcuni cambi e si ritrova a dover fare qualche salto mortale. Parata si sposta ad estremo e Venditti rientra fra i trequarti, Bordoli va all’apertura; nel pacchetto Tucker si veste da flanker a fare reparto con Meyer e Minnie con Krumov dal primo minuto in seconda linea.
In panchina c’è il giovane pilone permit player Rimpelli, da Calvisano, e si rivede Pratichetti.
I gallesi sono in un buon momento di forma. Quarto posto nella stessa Conference delle Zebre con 33 punti, frutto di 7 vittorie, l’ultima delle quali in casa con Munster che ha seguito quella, sempre all’Arms Park, con i Cheetahs.
Meno performante il cammino esterno dei Blues composto da 5 sconfitte e 2 vittorie. Pur con alcuni dati statistici identici (35 mete, 2 bonus offensivi e 3 difensivi) i Blues hanno 12 punti in più delle Zebre: la differenza si chiama consistenza, per la quale le Zebre sono a lezione con l’aiuto dello staff tecnico arrivato questa estate.
Anche l’head coach gallese Wilson apporta molti cambi, sei, rispetto all’ultima partita disputata e anche in questo caso frutto di assenze di nazionali e per infortunio. Inedita la prima linea, meno esperienza e fisicità in campo.
Sarà interessante valutare se i due staff tecnici apporteranno qualche modifica al loro piano di gioco abituale.

© Riproduzione riservata

ALTRI EVENTI