Sei in Weekend

weekend

Cappelletti, spettacoli per bambini e mostre - L'agenda della domenica

07 febbraio 2020, 15:06

Cappelletti, spettacoli per bambini e mostre - L'agenda della domenica

BARDI
DOMENICA APRE LA FORTEZZA DEI LANDI

Un weekend tra i gioielli storici, culturali ed architettonici della fortezza bardigiana appartenuta ai Landi. Per omaggiare Parma, capitale della Cultura 2020, i gestori del castello organizzano, domenica, una grande apertura straordinaria, dalle 14 alle 17 (condizioni meteo gratuite) con visite guidate solo su richiesta. La Onlus Diaspro Rosso partecipa dunque a tutti i turisti per una visita, magari prima o dopo un gustoso pranzo nei locali del paese. Una preziosa opportunità, insomma, per visitare la fortezza, con un indimenticabile tour, in cui, tra le altre cose, sarà possibile avventurarsi in una visita al castello, ammirando il maniero nella sua interezza, dalle vittime ai camminamenti, dalle cucine alle sale dei principi, scoprendo la bellezza delle collezioni del museo della Civiltà Valligiana, 
 
BEDONIA
VISITE GUIDATE AL SEMINARIO

Visite guidate al seminario di Bedonia. Nei giorni festivi, grazie alla disponibilità degli operatori del Seminario vescovile sarà possibile visitare l'edificio religioso del Colle di San Marco. Un luogo che ha rivestito e riveste ancora oggi un ruolo di primo piano per ciò che riguarda le attività storico-culturali della montagna. Per prenotazioni e informazioni 0525/824420.

LE PENNE NERE FANNO FESTA: VECI E BOCIA SFILANO A BEDONIA
Le penne nere di Bedonia e della montagna si ritroveranno domenica per la loro festa annuale e daranno vita ad una giornata allegra e divertente. Ad organizzare il tutto la sezione Alta Valtaro con sede a Bedonia presieduta da Paolo Masala e dagli alpini dei comuni di Bedonia, Compiano e Tornolo che come sempre risponderanno alla chiamata del loro capogruppo con la solita carica e il solito entusiasmo. 
Veci e Bocia con la loro simpatia che da sempre li contraddistingue coinvolgeranno simpatizzanti e familiari e porteranno sicuramente una ventata di buonumore e di allegria nel piccolo centro della Valtaro e renderanno festosa l’intera vallata. 
Ci sarà fin dalle prime ore del mattino un punto di accoglienza nella sede di via Serpaglio e alle 9 assemblea annuale dove il capogruppo presenterà l’attività svolta e i programmi per il 2020 tra i quali gli appuntamenti con il raduno sezionale di Corniglio e l’adunata nazionale di Rimini. 
Alle 10 con una breve cerimonia verrà consegnata ai familiari dell’alpino Bruno Federici disperso in Russia nel 1943 la piastrina di riconoscimento. Poi, alpini e autorità presenzieranno all’alzabandiera, alla sfilata, alla messa e alla deposizione della corona ai caduti, a mezzogiorno tutti a tavola per consumare il «rancio» preparato dagli stessi alpini all’interno della loro sede.  «Aspettiamo tutti e come sempre sarà un’occasione per salutare le autorità civili, militari e religiose del comprensorio, ha spiegato il capogruppo Masala, dedicheremo anche un momento per ricordare un alpino disperso e tutti quanti quelli che «sono andati avanti». La colonna sonora della manifestazione è stata affidata ancora una volta alla banda musicale «Glenn Miller» di Bedonia diretta da Daniele Cacchioli.


BUSSETO
TRUCCA BIMBO E ARTISTI DI STRADA

Domenica pomeriggio a Busseto «Strabusseto in maschera Kids». Ritrovo in piazza Verdi alle 14: trucca bimbi, zucchero filato e spettacoli con artisti di strada. Dalle 17 alle 18.30  spettacolo per bambini a cura della Compagnia SpettacoloSenzaMura. Info al 3338142622 (WhatsApp). 

"STRABUSSETO IN MASCHERA" PERCORSI PER TUTTI I LIVELLI
Domenica mattina a Busseto la 37esima edizione della «Strabusseto in maschera», tradizionale manifestazione podistica organizzata dal Gruppo marciatori della Pubblica assistenza Croce bianca di Busseto in collaborazione con Comune, Pro loco, Gsd Busseto calcio, Comitato marce della provincia di Parma, Fidal, Fiasp, tafisa, Ivv e il sostegno di numerosi sponsor. 
Il ritrovo e la partenza per tutti sono fissati, come sempre, allo stadio «Cavagna». Previsti percorsi non competitivi, a passo libero, di 6, 13 e 21 km, con partenza dalle 8 alle 9, aperti a tutti e valevoli per i concorso Pè d’Argent, valenti sport, Ivv e Piede Alato. Alle 9.10, partenza della competitiva di 10 km dello Csi e, quindi, alle 9.30, la partenza della competitiva di 21.097 km gara nazionale Fidal. Nel pomeriggio si svolgerà la «Strabusseto in maschera Kids». 

CALESTANO
LA SECONDA GIORNATA DI "TANTI DI CAPPELLETTO"

Domenica a Calestano ci sarà la seconda giornata della decima edizione della rassegna «Tanto di cappelletto». Un rito che si ripete immutato da decenni. Le rezdore che si ritrovano insieme, una volta a casa dell’una una volta a casa dell’altra, e tra una chiacchiera e l’altra sfornano uno dietro l’altro centinaia e centinaia di cappelletti, come in altri periodi dell’anno tortelli o tagliatelle. Una tradizione che a Calestano è ancora viva non solo nelle case, ma anche in ristoranti e trattorie che, con il supporto della Proloco, hanno pensato di dedicare ai cappelletti il mese di febbraio, solitamente il più freddo corto e maledetto dell’anno; mese in effetti ideale per scaldarsi con una bel piatto (o scodella) di brodo bollente e «galleggianti». Che poi quest’anno il clima sia poco consono è vero, ma è altrettanto vero che ormai molti parmigiani non si tirano indietro davanti un piatto di cappelletti neanche in piena estate. I cappelletti nei menu della rassegna sono accompagnati ovviamente da una nutrita serie di antipasti e secondi della tradizione. Aderiscono alla manifestazione Fontana, Mantovani e l’Agriturismo Casaleldoro a Calestano, Cà d’Angel a Ravarano e la Locanda Marzolara. In tutti è gradita la prenotazione. 

 

FIDENZA
"MAMMA A CARICO": AL MAGNANI UN MOMOLOGO IRONICO E STRUGGENTE

Una figlia si prende cura di una madre non più autonoma tra momenti di angoscia e smarrimento.  È la storia di «Mamma a carico. Mia figlia ha novant’anni» pièce teatrale -  tratta dal libro omonimo scritto da Gianna Coletti ed edito da Einaudi nel 2015 - che andrà in scena domenica alle 17.30.al Teatro Magnani di Fidenza. L’ingresso è a offerta e l’intero incasso sarà devoluto al Gruppo Sostegno Alzheimer di Fidenza.
Una storia vera
Si tratta di un monologo ironico e struggente sul rapporto tra una donna di cinquant’anni, Gianna, e una vecchia ribelle di novanta, cieca, che porta occhiali 3D perché da sempre è abituata ad avere qualcosa sul naso; non cammina più e la testa ogni tanto va per conto suo. Quella vecchia è Anna, la madre di Gianna. 
Attraverso una storia vera e personalissima lo spettacolo parla di tematiche universali come il prendersi cura di chi ci ha generato, il conflitto genitori e figli a tutte le età, la lotta per accettare ciò che la vita ci dà e ci toglie. Lo fa con grazia, ferocia, umorismo, musica.
La voce di Anna
Lo spettacolo, unico nel suo genere, avrà una voce in più, quella di Anna, che rivive sul palco attraverso preziosi documenti video estrapolati dal film Tra cinque minuti in scena di Laura Chiossone. Questi estratti, che immortalano sequenze di vita reale tra le due donne, completano la messa in scena e interagiscono con il racconto di Gianna. 
Il film, uscito nelle sale nel 2013, è stato molto apprezzato da critica e pubblico. Vincitore del premio Cicae Art Cinema ad Annecy nel 2012, Premio Fice miglior Film Indipendente nel 2013, miglior film al Miff di Mosca nel 2015.
La trilogia
Dopo il film e il libro, il testo teatrale conclude la trilogia del rapporto madre–figlia nella fase più delicata dell’esistenza. Uno spettacolo leggero, profondo, in cui ci si identifica, ci si commuove e si ride.

PARMA


CANTATO E ILLUSTRATO: L'OTELLO A SANT'EVASIO
La piccola  stagione di selezione d'opera  «popolare» riprende con «Otello» al Teatro Sant'Evasio. 
L'opera fra le più famose di Verdi, sarà messa in scena illustrata dai popolari attori Strajè (Claudio Cavazzini) e Otello (Maurizio Landi) e organizzata dalle associazioni Viviamo l'oltretorrente e Opera in Piazza, e da un cast veramente di buonissima qualità. La penultima opera di Verdi verrà interpretata nei suoi pezzi più importanti, intervallati dalle performance dei due attori che renderanno l'opera più popolare e alla portata di tutti dal neofita all'esperto.  «Otello» andrà in scena domenica  alle 17 al Teatro Sant'Evasio in via Sant'Evasio.
 Questo il cast: Otello (Giancarlo Algieri), Desdemona (Maria Komarova), Jago (Gian Luca Alfano), Cassio (Zhang Xupu), Emilia (Gabriella Corsaro), Roderigo (Zhou Litai). 
Con  loro, l'orchestra Opera in Piazza diretta da Aldo Boccacci con Manuela Mambriani, Francesca Bertolami, Manuel Tagliaferri, Elisa Gubert, Dacide Simonelli, Fabio Frambati, Maurizia Tagliavina, Alessandro Schiavetta, Lorenzo Bertacchini e al pianoforte Simone Cervi. Regia e testi di Halla Margret.


 

DAL BAROCCO ALLA CONTEMPORANEA
Dal barocco alla contemporanea, il Conservatorio di Musica «Arrigo Boito» propone tre appuntamenti per il weekend come sempre a ingresso gratuito. Sabato nella Casa del Suono di Parma, saranno due i concerti inseriti nella sesta edizione di «Labirinti sonori». Alle 11.30, è previsto il primo concerto dal titolo «La fisarmonica spaziale» con brani acusmatici e si concluderà con due brani per fisarmonica ed elettronica scritti da Lorenzo Donadei e Andrea Saba per Federico Conte, che li interpreterà in prima esecuzione assoluta. Alle 17 è in programma il secondo concerto, interamente acusmatico, dal titolo «Contemporary Waves» che prevede l’esecuzione di brani di Iñaki Estrada, Dante Tanzi e Giovanni Cospito. Domenica alle 17, nella sagrestia nobile della Chiesa di San Rocco, si terrà un nuovo appuntamento di «Barocco in San Rocco», rassegna del dipartimento di musica antica del Conservatorio di Musica «Arrigo Boito». A esibirsi il duo di viole da gamba formato da Martina Baratella e Filippo Lion.


DOMENICA INIZIANO I CONCERTI DELLA GAZZETTA
Iniziano domenica alle 11 i Concerti della Gazzetta, ospitati dal Teatro del Convitto Maria Luigia. Il debutto della rassegna è affidata alla violinista Mihaela Costea e al pianista Giovanni Verona che eseguiranno due dei più celebri capolavori di Beethoven, le sonate per violino e pianoforte La Primavera op.24 e A Kreutzer op.47. Per chi parteciperà (il concerto è già tutto esaurito) il caffè e le praline della torrefazione Lady Cafè di San Secondo e una copia della Gazzetta di Parma. Info 0521-391339, biglietteria@latoscanini.it. Prossimo concerto il 15 marzo con il Quintetto Specimen (Mozart, Beethoven).


LA MEMORIA NECESSARIA: "L'ISTRUTTORIA" TORNA IN SCENA
È il solo spettacolo in Europa replicato ininterrottamente dal 1984 con lo stesso ensemble di attori che lo ha creato: «L’Istruttoria», dopo avere  superato le 1100 repliche ed essere stata vista da più di 170.000 persone, torna, come ogni anno, in scena sul palco del Due. Dove verrà rappresentata anche  domenica alle 16. Un allestimento che non invecchia e che ha conosciuto importanti tournée in Italia e all’estero con episodi memorabili quali la messa in scena all’Habimah National Theatre di Tel Aviv in Israele, dove il testo non era mai stato rappresentato.
Anche questa volta, Roberto Abbati, Paolo Bocelli, Cristina Cattellani, Laura Cleri, Gigi Dall’Aglio, Paola De Crescenzo, Pino L’Abbadessa, Milena Metitieri, con le musiche di Alessandro Nidi eseguite al pianoforte da Davide Carmarino/Emanuele Nidi, accompagnano le diverse generazioni nell'inferno di Auschwitz, in un viaggio-tragedia della Storia contemporanea in cui non può compiersi nessuna catarsi.
Un fortissimo e necessario esempio di teatro civile che caratterizza da quasi quarant’anni la fisionomia di Fondazione Teatro Due. Fino a quando si renderà necessario un impegno etico, artistico e culturale nel testimoniare e tramandare quel che è stato, Fondazione Teatro Due ritiene doveroso poterlo esercitare.
Capolavoro del teatro documentario europeo e atto di denuncia contro i criminali nazisti, «L’Istruttoria» venne scritto da Peter Weiss dopo aver assistito allo storico processo che si svolse a Francoforte dal 1963 al 1965 contro un gruppo di SS e di funzionari del lager di Auschwitz. Le 183 giornate del processo in cui vennero ascoltati 409 testimoni, 248 dei quali scelti tra i 1500 sopravvissuti, rappresentarono il primo tentativo da parte della Repubblica Federale Tedesca di far fronte alla questione delle responsabilità individuali, imputabili ad esecutori di ogni grado attivi nei recinti del lager.

DUE DIPINTI DI BERNARD ALLA MOSTRA DI VAN GOGH A PALAZZO DALLA ROSA PRATI
Émile Bernard apre la stanza segreta di «Van Gogh Multimedia & Friends». Due opere del padre del cloisonnisme nello spazio speciale dedicato alla cerchia del pittore olandese, protagonista della mostra multimediale in programma a Palazzo Dalla Rosa Prati fino al 26 aprile 2020. Tra le caratteristiche distintive della mostra che utilizza le nuove tecnologie per portare a Parma l’universo creativo del genio olandese c’è senza dubbio l’idea di affiancare alle riproduzioni multimediali dei dipinti di Van Gogh  anche una misteriosa stanza segreta. Lo spazio si propone come un luogo dedicato ai dipinti degli illustri amici dei quali l’artista si circondò. Ad aprire questa sequenza di arrivi saranno «Tonnerre»  e un profilo maschile con cappello di colore nero e tempera rossa a tecniche miste, entrambi di Bernard e di proprietà della marchesa Zaira Dalla Rosa Prati Grossi.

 

ROCCAMURATA
TREKKING DOG ADVENTURE SUI SENTIERI DELLA RESISTENZA

Due imperdibili e appassionanti escursioni sono pronte a prendere il via, domenica, grazie al gruppo di guide abilitate «Valtaro e Valceno». Cominciamo con la proposta valtarese del «Trekking Dog Adventure», con l’accompagnamento, quindi, dei fedeli amici a 4 zampe: si tratterà di un’escursione tra storia e natura davvero toccante, che permetterà di ripercorrere una delle vicende più drammatiche della Seconda guerra mondiale. Gennaio 1945: nella frazione di Roccamurata, un nucleo di partigiani si imbatte in una pattuglia tedesca. Da questo episodio ne deriverà, per ritorsione, l’ultimo grande rastrellamento della Valtaro; in località San Bernardo una lapide è posta, oggi, a ricordo dei fatti che accaddero proprio in quei terribili giorni. Partendo dal borgo partigiano di Belforte, insieme ai propri cani, i partecipanti potranno rivivere con i piedi e con la memoria il periodo relativo alle lotte per la Liberazione, attraverso quei sentieri che hanno portato la nostra nazione alla libertà. Ritrovo puntuale per la partenza al bar trattoria Pescacciatore a Roccamurata di Borgotaro alle 9.45; breve spostamento con mezzi propri per raggiungere il luogo di inizio escursione; rientro ore 16.30/17 (info e prenotazioni: 339/7550371; e-mail roberto.bardini@www.trekkingtaroceno.it). 
Sempre domenica, ma sul versante ligure, si terrà una spettacolare escursione che vedrà la partenza da Moneglia e l’arrivo a Framura, passando anche per Deiva, attraverso uno dei tratti più belli e meno conosciuti del litorale, lungo il famoso sentiero verdeazzurro che attraversa la costa ligure. Il tutto, tra strette vallecole immerse nel verde della macchia mediterranea, con la vegetazione che inizia il suo risveglio di colori e profumi. Il tracciato, a causa della chiusura di un tratto in località Lemeglio, passa per la vetta del monte Crocetta e pertanto presenta un dislivello abbastanza impegnativo, sia in salita che in discesa, ed è adatto ad escursionisti quanto meno preparati; comunque a Deiva, circa a metà del percorso, è possibile raggiungere Framura in treno. Ritrovo alla stazione di Ghiare di Berceto alle 8.30; trasferimento in auto per Moneglia e partenza per l’escursione alle 10 circa. Ritorno da Framura a Moneglia in treno. Rientro da Moneglia verso le 18 e arrivo a Ghiare verso le 19.30 circa (info e prenotazioni: 339.7843072; antonio.mortali@trekkingtaroceno.it).

SALSOMAGGIORE
TERESA GIULIETTI PRESENTA "PARMA MERAVIGLIOSA" AL GRAND HOTEL

Domenica, l’operatore olistico Michela Salotti proporrà «In cammino verso sè», a cura del sociologo Paolo Maria Buttiglieri: è un diario della rinascita, percorso guidato verso il recupero delle proprie energie, ancora intrappolate in eventi collegati alla perdita. 
Gli incontri, a ingresso gratuito, sono organizzati dall’associazione culturale «Il Salotto Illuminato-Circolo di lettura e conversazione». per ulteriori informazioni: 338/2852281 oppure ilsalottoilluminato@gmail.com.
 

SISSA TRECASALI
FESTIVAL DEI BURATTINI DOMENICA A TEATRO

Festival dei burattini 3.0 al teatro di via Ferrari a Sissa. Domenica alle 16.30 spettacolo «E vissero felici e contenti» della compagnia di burattini Cortesi di Sorisole (Bergamo). Ingresso libero. 

ZIBELLO
UNA FETTA DI CULATELLO DI ZIBELLO PER CHI COLLABORA A PULIRE IL PO

Una fetta di prelibato culatello di Zibello per ogni sacco di plastica, tolta dai boschi e dalle golene del Po. 
Sabato pomeriggio si è alzato il «sipario» sul progetto «Puliamo il Po e puliremo il mondo», promosso dall’Amministrazione comunale di Polesine Zibello col supporto di Autorità distrettuale del Fiume Po, Regione Emilia Romagna, Università di Parma, Legambiente, Confagricoltura Parma, Coldiretti, Confederazione Italiana Agricoltori e associazioni venatorie, EmiliAmbiente, Consorzio di tutela del Culatello di Zibello, Iren, Fidenza Village, Parma io ci sto!, Destinazione Turistica Emilia, Chef to chef Emiliaromagna cuochi, Ipam, Stm, Caseificio Galli, Po Grande e Istituto comprensivo di Busseto e Polesine Zibello. Sottotitolo dell’originale iniziativa, aperta a tutti, è «Una fetta di culatello di Zibello per un sacco di plastica». Gli appuntamenti proseguiranno tutti i fine settimana fino a Pasqua con l’obiettivo di rendere, quanto prima, la golena e i boschi fluviali plastic free. Per ogni sacco di plastica raccolto si riceverà, in cambio, una fetta di culatello di Zibello. 
«Il nostro comune – ha ricordato il sindaco Spigaroli – è al quinto posto tra i piccoli comuni della regione per la raccolta differenziata. Essere un comune virtuoso ci spinge a destinare energie al bosco fluviale per liberarlo dalle plastiche e da tutti quei rifiuti portati dalle piene del Po. Lo vogliamo fare con un semplice gesto e con la collaborazione di tutti, raccogliendo quanto sta contaminando l’ambiente evitando così che torni al fiume e arrivi al mare. Lo facciamo  con azioni concrete e su più livelli coinvolgendo il nostro prodotto più celebre, il culatello di Zibello, con una simbolica collaborazione tra territorio ed eccellenze gastronomiche». 
Anche domenica le operazioni riguarderanno la zona di Ongina e Santa Franca; domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17.30. Il ritrovo è fissato all'Infopoint in località Ongina dove i partecipanti (invitati a portarsi stivali, guanti e abbigliamento adeguato) riceveranno i sacchi, un gadget di riconoscimento, materiale informativo e indicazioni. Per motivi di sicurezza i gruppi saranno assistiti da due persone. Le persone riceveranno i buoni per le «fette di culatello» prima della compilazione di un modulo con i loro dati e, sui buoni stessi, saranno indicati i nomi dei luoghi e delle aziende che aderiscono. I buoni stessi saranno associati sino all'inizio di giugno quando si svolgerà, a Zibello, la festa del culatello. E 'necessaria la prenotazione al 3487497980 o scrivendo a puliamoilpoepuliremoilmondo@gmail.com.