10°

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giornata di sole sul LungoParma: le foto di Luca Radici a Michelle Maccagni

fotografia

In posa sul LungoParma in una giornata di sole Foto

Langhirano: i bellissimi delle feste alla Taverna Ponte

PGN

Langhirano: i bellissimi delle feste alla Taverna Ponte Ecco chi c'era: foto

Sanremo, la Rai smentisce aumenti del compenso per Claudio Baglioni

TELEVISIONE

Sanremo, la Rai smentisce aumenti del compenso per Claudio Baglioni

Notiziepiùlette

Locanda del culatello

CHICHIBIO

«Locanda del culatello» C'è del nuovo e del buono nella Bassa

Data - Ora inizio 23/11/18 - 19:00

Data - Ora fine 23/11/18 - 00:00

Tipologia Arte e Cultura

Dove Cubo Gallery e spazio entropia | Cubo Via La Spezia, 90 Parma (PR)

Località Parma

Via la Spezia , 90 , 43125 Parma PR , Italia

parma

"Sand" di Filippo Cavalli: mostra fino al 23 novembre

"Sand" di Filippo Cavalli: mostra fino al 23 novembre
Ricevi le news
0

SAND Filippo Cavalli
A cura di Anna Vittoria Zuliani
CUBO Gallery e spazio entropia CUBO, via La Spezia 90, Parma
Dal 19 ottobre al 23 novembre 2018

“Sand” è una raccolta di “paesaggi di sabbia”, attraversati e fotografati da Filippo Cavalli durante un viaggio in Marocco nel 2017. Nove immagini di questo progetto saranno esposte alle pareti della CUBO Gallery e dello spazio entropia al CUBO di Parma da venerdì 19 ottobre al 23 novembre. Il fotografo colleziona “sandlandscapes” durante il progressivo allontanamento dai luoghi centrali più densamente abitati del Paese nordafricano, e riflette sulla immobilità e la distanza atemporale tipica di questi territori. Nelle immagini l’uomo compare inizialmente come co-protagonista al fianco dell’architettura, e scompare totalmente negli spazi a margine, caratterizzati dall’ assenza e dall’ abbandono. Lo spazio desertico nelle inquadrature aumenta parallelamente alla distanza percorsa, e proprio dove l’uomo rivela la propria assenza l’architettura mostra una bellezza di forme purissime, scultoree. L’uomo è piccolo di fronte alla vastità del deserto, dove non è possibile mettere radici: vi restano i segni del suo passaggio, lasciati nel tentativo di addomesticare questo luogo selvaggio. “Sand” è dunque una raccolta di fotografie di paesaggi avvolti dalla sabbia del Marocco, immobili e sospesi in un’atmosfera di piccole particelle ocra, miele, arancio e rosa. Il sole alto del mezzogiorno cancella ogni ombra, brucia i colori e sfuma i contorni degli elementi: ogni cosa sembra illuminata dal suo interno. Il fotografo è spesso solo di fronte a questo scenario nudo sospeso tra la terra e il cielo, la lontananza è tangibile. L’uomo che generalmente lo abita è al riparo, e il paesaggio sembra spopolato: qui domina il confronto tra deserto e architettura. Una sorta di atmosfera di calore, luce e sabbia sembra cristallizzare il tempo che scorre in questi luoghi. Come una membrana protettiva e alienante, li preserva dalla contaminazione della modernità, dal superfluo che attanaglia i nostri territori. Poche eccezioni forano e penetrano questa membrana. Quelli di sabbia sono paesaggi che impressionano per la loro essenzialità di forme, caratterizzati da una costante ricerca di soluzioni alle necessità: l’architettura nella sua accezione primitiva e primaria di riparo, i più elementari mezzi di trasporto, l’abbigliamento che riveste la sola funzione protettiva dalla polvere, dal sole e dal vento. Tutto sembra così essenziale e lontano dalla ridondanza dei nostri contesti occidentali, traboccanti, gonfi di oggetti di consumo. L’immutabilità di questi luoghi è al centro della ricerca del fotografo, che ci rivela una essenzialità inconcepibile ai nostri occhi. Potrebbero accompagnare queste immagini le parole che usa il poeta Tahar Ben Jelloun per descrivere il Marocco. “È poesia/generata dall’ assenza/un paese che nasce/sul bordo del tempo e dell’esilio/dopo un sonno profondo” (da Stelle velate. Poesie 1966-1995, Einaudi, 1998) La densità dei luoghi abitati si contrappone alla tanto maggiore vastità di spazio desertico che li circonda. La sensazione è quella di paesaggi tentati, incompiuti, interrotti. Fermi nel tempo e silenziosi. Li illumina una luce sacra abbagliante e li avvolge un inesorabile manto di polvere e sabbia.

FILIPPO CAVALLI Nasce a Parma il 6 giugno del 1986. Nel 2005 consegue il diploma in Discipline Artistiche, dello Spettacolo e dei Multimedia presso l’Istituto d’Arte Paolo Toschi di Parma. Durante questi anni studia tecnica e composizione fotografica e collabora con la fondazione culturale Solares di Parma nella realizzazione di cortometraggi multimediali. Nella stessa città frequenta il Teatro Lenz Rifrazioni che lo coinvolge nell ’elaborazione di progetti visivi. Nel 2011 ottiene la Laurea Magistrale in Architettura con lode presso l’Università degli Studi di Parma. Nel settembre 2010 espone un progetto dal titolo “Garibaldi Full of Grace”, presso gli spazi del Palazzo della Rosa Prati di Parma. Nel mese di maggio 2011 partecipa alla rassegna Fotografia Europea a Reggio Emilia con un progetto artistico dal titolo “…ed ecco che’l furioso caso, e strano”, seguendo anche lo sviluppo di una performance teatrale di introduzione alla mostra. Nel mese di giugno 2012 fonda assieme ad altri tre architetti lo studio di progettazione écru con sede a Parma. Nel 2015 fonda a Parma l’associazione culturale spazio entropia, un laboratorio sperimentale di menti creative nel quale collabora con artisti, architetti e designer. Ha sviluppato una ricerca fotografica in collaborazione con l’architetto Margherita Zambelli con la quale ha instaurato un rapporto artistico. Tra le sue collaborazioni si annoverano diverse figure come l’artista internazionale Marco Nereo Rotelli e la rivista di architettura Casabella (casabella lab). CUBO Gallery e spazio entropia Via La Spezia 90, Parma 

SAND Filippo Cavalli A cura di Anna Vittoria Zuliani Inaugurazione: venerdì 19 ottobre, dalle h. 19 Dal 19 ottobre al 23 novembre 2018 Orari: da lunedì a sabato: 10-19 Ingresso libero altre visite su appuntamento: cubogallery@gmail.com Info: www.cuboparma.com

Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Lealtrenotizie

Un'auto si ribalta in A1: grave un giovane. Code fra Parma e Campegine

AUTOSTRADA

Un'auto si ribalta in A1: grave un giovane. Code fra Parma e Campegine

Autocisa: pioggia tra Fornovo e Pontremoli

PARMA

Controlli antidroga: sequestrato mezzo chilo di hashish al parco Falcone e Borsellino Video

Viarolo

Cercano di far esplodere il bancomat della Cassa Padana ma il colpo fallisce Video

L'anniversario

La mamma di Filippo Ricotti: «Sono passati due anni. Ma per mio figlio nessuna giustizia»

PARMA

Il pusher fugge e fa resistenza con violenza: un cittadino aiuta i carabinieri ad arrestarlo Video

La cronaca del 12TgParma

Intervista

Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»

CALCIO

Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»

20 GENNAIO

Torna la domenica ecologica: limitazioni al traffico all'interno delle tangenziali Mappa

Sentenza

Guerra dell'acqua, Montagna 2000 deve 600mila euro a Berceto

2commenti

PARMA

Aeroporto Verdi, siglato l'accordo con Bologna per il rilancio e nuovi voli  Video

2commenti

Tribunale

Perseguita un uomo con messaggi anonimi: collecchiese condannato per stalking

Zibello

È morto Corrado Tencati: preparò lo strolghino record del November Porc

PARMA

Incidente in viale Duca Alessandro: disagi al traffico ma nessun ferito Foto

INTERVISTA

Amanda Sandrelli: «La seduzione secondo Mirandolina»

TRIBUNALE

San Giovanni, entra in sagrestia e tenta di rapinare due monaci: condannato

GAZZAREPORTER

"Il cielo di un giovedì mattina" Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

May, sconfitta devastante. Ma non c'è alternativa

di Paolo Ferrandi

PGN

La nuova moda dell'uomo e la trasmissione «Prendi Nota»

di Mara Varoli

ITALIA/MONDO

AREZZO

Viadotto chiuso sulla E45: primi ingorghi e Tir respinti

VAL D'AOSTA

Traforo del Monte Bianco, bloccati 38 migranti: 26 erano stipati nel vano di un furgone

SPORT

AUSTRIA

Niki Lauda sta meglio: dimesso dall'ospedale di Vienna

CALCIO

1-0 al Milan, la Juventus vince la Supercoppa italiana

SOCIETA'

catania

L'aspetta all'aeroporto col palloncino "Mi vuoi sposare". Lei lo lascia

1commento

TRIBUTO

Il bollo auto senza segreti: quando, come, dove si paga

MOTORI

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross

PROMOZIONE

Suv, l'offensiva "doppio zero" di Hyundai