-4°

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Yes, gli albori di una leggenda

IL DISCO

Yes, gli albori di una leggenda Video

Brachetti incanta il Regio con la magia del suo "Solo" - Ecco chi c'era: foto

teatro

Brachetti incanta il Regio con la magia del suo "Solo" Ecco chi c'era: foto

Galaxy Fold

Galaxy Fold

HI-TECH

Galaxy fold: ecco lo smartphone pieghevole di Samsung

Notiziepiùlette

"Mulino di casa Sforza" Tanta tecnica e ottima qualità in cucina

CHICHIBIO

"Mulino di Casa Sforza": tanta tecnica e ottima qualità in cucina

Data - Ora inizio 01/02/19 - 09:00

Data - Ora fine 01/02/19 - 19:00

Tipologia Arte e Cultura

Dove Spazio LaZona - Centro Cinema Lino Ventura

Località Parma

Via D’Azeglio 45/D - Parma

PARMA

“Istantanee su un mondo abbandonato”: mostra con le foto di Antonio Piazza e Manuela Arcari

Le fotografie di Antonio Piazza e Manuela Arcari in mostra dal 1° al 27 febbraio 2019 nello spazio espositivo LaZona del Centro Cinema Lino Ventura

“Istantanee su un mondo abbandonato”
Ricevi le news
0

Dal 1° al 27 febbraio lo spazio espositivo LaZona - Centro Cinema Lino Ventura propone al pubblico la mostra “Istantanee su un mondo abbandonato” dei fotoamatori parmigiani Antonio Piazza e Manuela Arcari, specializzati nel genere fotografico Urbex, acronimo di urban exploration, diventato molto popolare negli ultimi anni.
Con questa pratica che mischia esplorazione, rischio, spirito di avventura, emozione della scoperta e del proibito Piazza e Arcuri prediligono spazi abbandonati e dimenticati, invisibili agli occhi dei passanti.
Lo dice una nota del Comune, che prosegue: 
Scrive sul loro modo di fare e intendere la fotografia Stefano Vaja (nell’articolo Urbex, storie dei luoghi, dalla Parte del Torto, n. 80, anno XXI): “ È una fotografia che spesso ricorre al grandangolo e al tutto a fuoco, a una scrittura visiva che enfatizza la spazialità. Con una volontà iperdescrittiva e onnicomprensiva. E nella ricerca di un tempo sospeso, dove non accade nulla. Da un punto di vista tematico le fotografie qui presentate sono raggruppabili in tre tipologie principali: architetture industriali, ville, ospedali. Con differenti possibilità evocative: il cemento armato delle costruzioni industriali presuppone possibilità architettoniche e soluzioni spaziali inedite, gli affreschi, i decori delle ville raccontano di uno sfarzo, ospedali e manicomi evocano invece sofferenze. […] Sembra esserci da parte di Antonio Piazza una prevalenza dell’aspetto architettonico e scenografico, colto nella sua totalità e spettacolarità, utilizzando quasi sempre la fuga delle linee prospettiche, mentre Manuela Arcari privilegia lo sguardo ravvicinato e intimo sugli oggetti o su nicchie, ed è quasi sempre invece uno sguardo frontale, su uno spazio finito e raccolto. Il totale è sempre narrazione di spazi e sottolineatura di un vuoto, il dettaglio non è più architettura ma arredamento, sottolineatura di una (passata) presenza.
[…] Sono fotografie in assenza di persone, luoghi dimenticati, dove il contrasto tra la storia passata e il decadimento contemporaneo crea un effetto di contrasto e disagio. Di splendore e decadenza. Di ricchezza di passato e di assenza di futuro. Di presenza e insieme di dimenticanza. Sono tutti luoghi segnati dall’incessante lavorio del tempo storico e del tempo meteorologico, luoghi abbandonati e disgregati, destinati prima o poi a essere distrutti. Ma non dimenticati, grazie alle foto. E a volte, grazie anche alle fotografie, recuperati”.

Antonio Piazza
Sono nato a Parma, dove tuttora vivo: i miei primi passi nel mondo della fotografia avvengono nel 1982 con una
fantastica Mamiya Reflex semi automatica (analogica). Da quel dì sono passate tra le mani una serie di macchine
analogiche e digitali più o meno valide, che hanno lasciato l’interesse per la fotografia a livelli basici. La svolta, accade nel gennaio 2013 con l’acquisto della Canon 5D Mark II, non soddisfatto dei risultati partecipo ad un corso base dove incontro Francesca che nel gennaio 2015 mi introduce nel fantastico mondo dell’UrbEx. Da quel giorno le mie foto e i pensieri sono rivolti in questa direzione, in quanto mi diverte molto e mi riempie di soddisfazioni.

Manuela Arcari
Sono nata e cresciuta a Parma, dove tuttora vivo e lavoro nell’affascinante mondo della carta stampata. A 9 anni ho chiesto di avere in regalo una macchina fotografica e da allora ho sempre amato scattare fotografie per fermare istanti di vita, specialmente nei miei viaggi attorno al mondo, utilizzando sempre la mia fedele compatta che portavo sempre con me. Da un paio di anni mi sono avvicinata al mondo dell’UrbEx, che mi ha affascinato fin da subito. Prediligo fotografare dimore abbandonate, dove con fervida immaginazione, penso a come poteva svolgersi la vita degli abitanti. In modo particolare i dettagli che amo di più sono i pertugi creati da porte e da finestre.

Insieme, nell’ambito del progetto Istantanee su un mondo abbandonato, hanno esposto nel 2017 e nel 2018 al Collettivo Limitrofi a Fornovo Val di Taro e a Parma. Con il Manicomio Fotografico con la mostra “Pachamama: La natura si riprende i suoi spazi” hanno partecipato ad esposizioni a Serramazzoni, Fivizzano e allo Spazio Tadini di Milano. Nel 2018 a Bologna e Milano nell’ambito della mostra collettiva “La rivoluzione triste del mondo liquido”.

Orari apertura spazio LaZona - Centro Cinema Lino Ventura (Via D’Azeglio 45/D):
lunedì e mercoledì: 9 alle 13.30
martedì, giovedì, venerdì e sabato: 9 - 13.30 e 14.30 - 19
Contatti: tel. 0521/031041

La locandina della mostra

Scopri le novità della sezione Fotografia

Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Lealtrenotizie

Perseguita l'amante del marito: condannata

Stalking

Perseguita l'amante del marito: condannata

VARCHI E MOBILITÀ

Benassi: «Basta auto per accedere in centro»

SCIALPINISMO

Ghiaccio e poca neve, annullato il trofeo Schiaffino

LUTTO

Bore e la sua valle piangono l'ex sindaco Mario Bazzinotti

Fidenza

Made in Fidenza le luci della Tour Eiffel

INCIDENTE

Non ce l'ha fatta il maresciallo Gildo Marioni

il caso

Minacce sui muri, Salvini (intervistato da Tv Parma): "Non sono spaventato, vado avanti" - Video

2commenti

il fatto del giorno

Foto e polemiche: "Il giornale deve raccontare il mondo così com'è, non quello che vorremmo"

Meteo

Weekend "invernale". Poi...la primavera

Tribunale

Ubriaco minaccia il «mondo intero»: condannato

SALSO

Ici, Imu e Tasi: accordo tra Comune e Baistrocchi

arte e cultura

Salviamo la chiesa di Roncole (con l'organo di Verdi): raccolta fondi - Le foto

Milano

Malore in metropolitana, è morto Paolo Brera

Scrittore, economista, figlio del grande Gianni, scrisse anche per la Gazzetta di Parma

Gusto

Federer-Oldani (e la Shiffrin): quando una spaghettata accende la festa (Nuovo spot Barilla) Video

Vigatto

Addio alla marchesa Maria Luisa Meli Lupi

web

Radiomercato: Faggiano interessa (molto) alla Roma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Rinnegata la Tav, è un altro il tunnel che aspetta il Paese

di Vittorio Testa

1commento

NOVITA'

"Breaking News": ora puoi riceverle anche via WhatsApp. Ecco come Video

ITALIA/MONDO

pavia

Si è ucciso Alberto Rizzoli, nipote del fondatore della casa editrice

STATI UNITI

Sesso con una minorenne, accusato il rapper R. Kelly

SPORT

SERIE A

Milan travolgente: tre sberle all'Empoli

Basket

Ungheria ko, l'Italia ai mondiali in Cina. Mancava dal 2006

SOCIETA'

Indonesia

38 anni dopo, (ri) avvistata l'ape più grande al mondo

ROMA

Stalker perseguita la Ferilli, divieto di avvicinamento

MOTORI

IL TEST

Ecco la nuova Mazda3. In 5 mosse

AL VOLANTE

Skoda Kodiaq RS: il Suv con 240 Cv