Via Melvin Jones

Undici cuccioli in cerca di una nuova casa

I piccoli ospiti del canile comunale «Lilli e il Vagabondo» sono in attesa di adozione

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen presenta il suo "playboy", Mirco Levati

gossip

Belen presenta il suo "playboy", Mirco Levati

3commenti

E' morto il grande regista Eimuntas Nekrosius

TEATRO

E' morto il grande regista Eimuntas Nekrosius

Mike Piazza e consorte a Parma

paparazzato

Mike Piazza e consorte a Parma

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Sara' 'Black Friday' anche alla Fondazione Toscanini

La Fondazione Arturo Toscanini

PARMA

Anche la Fondazione Toscanini fa il Black Friday

Ricevi gratis le news
10

Il papà è ignoto ma la mamma è lì, accanto a loro. E' arrivata al canile comunale da una brutta storia di maltrattamenti e due mesi e mezzo fa ha partorito 11 cuccioli. Che zampettano nel loro box a «Lilli e il Vagabondo» in via Melvin Jones: bianchi, neri, marroni, con le lentiggini sul muso e con una gran voglia di giocare, tutti in attesa di una nuova casa e di una famiglia, che li sappia accogliere con amore. Non come è accaduto alla mamma, che ora nonostante la vita amara che ha dovuto sopportare e nonostante questi undici «orsetti», che tanto somigliano al pastore australiano, sta bene grazie alle cure dei veterinari e degli operatori del Comune e della cooperativa «Avalon» di Michele Franzoni. Per i piccoli manca solo un'ultima vaccinazione e poi, tra pochi giorni, saranno pronti per essere adottati. Tuttavia, come spiega il veterinario Manuel Chierici, «Non tutti i cani vanno bene per tutti» o come aggiungiamo noi, «non tutti gli uomini vanno bene per i cani». E' così che in questa struttura, diretta dalla brava Donatella Signifredi e da Bruno Manuguerra, direttore sanitario, la politica è quella delle adozioni mirate: «Bisogna aiutare il cane e conoscere i suoi tempi: non si può pretendere che si abitui subito ai nostri ritmi - continua Chierici -. Ecco perché a chi vuole adottare un cane si chiede di fare un mini percorso al fine di una convivenza migliore. E chiaramente, prima dell'adozione vengono effettuate una serie di azioni sanitarie, come l'eliminazione di parassiti, le vaccinazioni e tanto altro. Insomma, dal punto di vista sanitario quando si porta a casa un animale dal nostro canile è sicuro».
«Quello dell'adozione mirata è un servizio molto apprezzato dalle persone - aggiunge Anna Bernardelli di «Avalon» -: il colloquio con l'operatore, il questionario utile a chiarire la situazione dell'adottante, le prove al canile e le prove a casa. Un percorso che evita il rientro dell'animale e che è necessario al benessere della famiglia e dello stesso animale. L'adozione deve essere consapevole e bisogna capire le esigenze del cane, a maggior ragione di un cucciolo. Non a caso esiste una linea guida». E' bene ricordare che il canile comunale è aperto al martedì e al giovedì dalle 16 alle 18, al sabato e alla domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    07 Settembre @ 18.04

    E COME SI FA SE , quando lo si porta fuori , bisogna portarsi dietro un secchio di acqua col detersivo per lavare la pipì ed evitare di essere coperti di insulti ? Può adottarli giusto uno che sta in campagna . A me è capitato di avere battibecchi con qualche frescone che protestava perchè il mio cane aveva fatto pipì sulla gomma della sua macchina , ma le gomme girano per terra , raccogliendo tutte le porcherie che ci sono per terra, quindi la pipì del mio cane non aggiunge niente a quel che c' è già !

    Rispondi

    • Eli

      08 Settembre @ 09.53

      Purtroppo la gente è ignorante e non capisce che sono meglio la pipì e la pupù del cane o del gatto, rispetto a tutta l'immondizia che produciamo noi umani (il più dei quali anche cafoni che lanciano in giro di tutto) e allo schifo che respiriamo ogni giorno, sempre prodotto da noi. E tralascio il discorso, di quanti "umani" fanno i propri bisogni contro i muri delle case... Il mondo lo stiamo rovinando noi, non la pipì dei nostri animali.

      Rispondi

      • Vercingetorige

        08 Settembre @ 16.38

        LA PIPI' NO , però la cacca è sempre meglio raccoglierla........

        Rispondi

        • RENZ

          08 Settembre @ 19.04

          R E N Z

          Certamente le bombe atomiche costruite dagli uominicsono peggio... tuttavia la cacca dei cani è meglio raccoglierla...

          Rispondi

        • Eli

          09 Settembre @ 15.47

          Certo e sicuramente anche mozziconi di sigarette e cartacce varie. Su questo siamo d'accordo

          Rispondi

        • Eli

          09 Settembre @ 15.47

          Certo e sicuramente anche mozziconi di sigarette e cartacce varie. Su questo siamo d'accordo

          Rispondi

        • Vercingetorige

          09 Settembre @ 17.48

          Purchè ci siano i cestini dove buttarle.............

          Rispondi

        • Eli

          10 Settembre @ 14.19

          Si può sempre fare come per gli escrementi del cane. Sacchettino e poi si buttano quando si trova il cestino o nei propri rifiuti domestici. Cambia il tipo di rifiuto, ma il modo per non lasciarlo in giro è lo stesso

          Rispondi

        • Vercingetorige

          10 Settembre @ 17.25

          BEH , INSOMMA , SE ESCO PER FARE UN GIRO , prendere un caffè , comprare qualcosa , mi porto la cacca nel sacchettino al bar e nei negozi o me la porto fino a casa , perchè non c' è un cestino ?

          Rispondi

        • Eli

          11 Settembre @ 09.00

          Già...purtroppo mancano i cestini. E' davvero uno schifo generale

          Rispondi

Lealtrenotizie

Tenta la rapina (con un chiodo) al supermercato: la reazione della cassiera lo fa fuggire

via dei mercati

Tenta la rapina (con un chiodo) al supermercato: la reazione della cassiera lo fa fuggire

Una ragazzina di 11 anni

Si sporge dalla finestra e resta sospesa nel vuoto

meteo

La neve mantiene la parola: Appenino imbiancato. A Schia 13 centimetri Foto

Le foto dei lettori

CONQUIBUS

Mutti scrive ai colleghi: «Mi dimetto»

DUPLICE OMICIDIO

I periti: «Solomon? Totalmente incapace». E ora si va verso l'assoluzione

guardia di finanza

Lavoro "sommerso": 33 addetti irregolari in due prosciuttifici

In un anno scovati 14 lavoratori in nero e 51 irregolari

1commento

SALSOMAGGIORE

Ritrovata in un campo una cassaforte chiusa: di chi è?

AUTOBUS IN PANNE

Linea 23, due guasti in pochi giorni. La rabbia di un genitore

VIA DE MARTINO

I residenti: «Strada abbandonata, terra di nessuno»

1commento

Calcio Eccellenza

La Piccardo delle meraviglie

LANGHIRANO

L'ambasciatore del prosciutto di Parma? E' a Belfast

consiglio comunale

Una scuola e documenti dell'Archivio di Stato nell'area militare di via Zarotto

"Bollino antifascista" per gli spazi pubblici, la Lega vota contro, Pizzarotti: " Dove eravate il 25 aprile? "

calcio

Lizhang, ecco le 5 inadempienze - Video. Nuovo Inizio: "Ha messo a rischio il Parma"

gazzareporter

Via Calatafimi e quelle campane che restano stracolme di rifiuti

POLESINE ZIBELLO

Andrea Censi resta ai domiciliari: lo ha deciso il tribunale del Riesame

La procura chiedeva il carcere per Andrea Censi (ora ai domiciliari) ma i giudici di Bologna hanno respinto l'appello

BRESCELLO

Immergas si rialza dopo l'alluvione: 350mila caldaie nel 2018

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Infrastrutture: a Parma nulla sembra muoversi

di Gian Luca Zurlini

VELLUTO ROSSO

La comicità al femminile di Debora Villa al Paganini

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

MILANO

Quindicenne sequestrato e torturato da coetanei

MODENA

Picchia la moglie davanti ai figli: "Ha lavorato solo 12 ore"

2commenti

SPORT

Formula 3

Sophia Floersch, dopo 11 ore di intervento muove gli arti

Calciomercato

Emergenza terzini. Il Parma bussa alla porta della Fiorentina?

SOCIETA'

cultura

Un milione di buone ragioni per andare a teatro

rifiuti

A Copenaghen il termovalorizzatore ha sul tetto la pista da sci

MOTORI

IL TEST

Bmw X5, atto quarto: lusso senza compromessi

RESTYLING

Mercedes Classe C, l'ammiraglia compatta