19°

la segnalazione

Strada Nuova, i residenti: "Traffico, sosta selvaggia e inciviltà: un incubo" Foto

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Ricevi gratis le news
1

Hanno raccolto le firme, e hanno messo nero su bianco il loro incubo quotidiano (anzi, feriale seguendo il calendario scolastico) i residenti di Strada Nuova. Traffico, sosta selvaggia, inciviltà, la richiesta di rispetto e un appello al Comune: "Vogliamo i vigili".

Ecco la lettera che hanno scritto:
"Siamo alcuni cittadini residenti in Strada Nuova che desiderano ringraziare l'Amministrazione comunale per l'attenzione che sta dimostrando in merito al problema del traffico nella nostra zona durante il periodo scolastico.
Da tempo infatti segnaliamo il forte disagio che viviamo quotidianamente, ogni mattina dalle ore 07:40 alle ore 08:15 circa e ogni pomeriggio in corrispondenza dei diversi orari di uscita degli studenti dai plessi scolastici "Collegio Maria Luigia" e Liceo "A. Sanvitale".
In questi lassi di tempo infatti Strada Nuova e Borgo Lalatta sono totalmente bloccati e intasati dal traffico automobilistico prodotto dai mezzi che accompagnano o ritirano i discenti; ci sono autovetture parcheggiate ovunque, in doppia fila, sui marciapiedi, sugli stalli zebrati; ci sono auto incolonnate al centro della carreggiata che, in prossimità degli incroci della nostra strada con borgo Lalatta e poi con via Repubblica, si fermano per far scendere i bambini e i ragazzi che, con tutta calma, escono dalle vetture, aprono il bagagliaio per prelevare gli zaini, li collocano sulle spalle, chiudono portiere e portelloni, salutano e scambiano le ultime parole non curanti dell'interminabile fila che si è creata alle loro spalle, e quindi di chi subisce la loro maleducazione. La cosa si ripete quotidianamente nelle differenti fasce di uscita dalle suddette scuole.
Capannelli di genitori inoltre si fermano per scambiare chiacchiere con le auto parcheggiate selvaggiamente sui marciapiedi, davanti ai passi carrabili, sugli stalli zebrati oppure ci sono altri che parcheggiano sulle linee blu, ma rimangono a bordo senza pagare la sosta.
Tale situazione impedisce ai residenti di uscire liberamente dai propri cancelli, di percorrere serenamente la strada a piedi, in bici o in auto; impedisce inoltre, al rientro a casa, di poter parcheggiare il proprio veicolo in meno di 20 - 40 minuti.
I disabili motori nella nostra zona non possono essere liberi di accedere e percorrere i marciapiedi con carrozzine. Non è nemmeno da escludere che, nell’eventualità in cui si renda necessario l'intervento di un mezzo di soccorso in questi orari, lo stesso non possa accedere e prestare aiuto a causa del traffico bloccato.
Per non dire del problema dell'inquinamento dovuto all'alta concentrazione di gas di scarico che rende l’aria irrespirabile essendo la via stretta e inadatta a sopportare una così rilevante mole di traffico concentrato in pochi minuti.
E’ sovente capitato che, quando si "riprende" chi ha parcheggiato in violazione delle regole di circolazione, si venga aggrediti verbalmente con toni offensivi anche se si è richiesto l'intervento dei vigili urbani. A parer loro, infatti, pagare l'accesso per accedere alla zona della scuola consentirebbe di poter parcheggiare in ogni dove e per il tempo necessario al ritiro di figli e nipoti di un'età compresa dai 6 ai 18 anni.
Ci chiediamo il motivo per cui, a differenza di quanto accade per altre numerose scuole (si vedano ad esempio la scuola Newton o la vicina scuola per l'Europa), non sia giornalmente presente un presidio di vigili urbani che controlli e regoli il traffico e il deflusso dei mezzi. Riteniamo che questo sarebbe un utile deterrente alle suddette condotte.
Siamo quindi qui a chiederVi la presenza quotidiana di agenti della Polizia Municipale anche all'incrocio di via strada Nuova con Borgo Lalatta.
Valuteremmo anche più funzionale la chiusura totale del traffico in Strada Nuova consentendo accesso e transito ai soli residenti negli orari di entrata e di uscita, come accade da diversi anni in via Saffi per la Scuola per l' Europa.

Abbiamo l'incubo di ciò che comporta la riapertura delle scuole! Riteniamo ammirevole il fatto che si sia presa in considerazione la situazione e che si sia cercata una soluzione ai problemi che essa comporta. Riteniamo tuttavia che le misure che si stanno per adottare non siano sufficienti a ridurre e a rendere più vivibile la situazione. Temiamo anzi che si intensifichi l'accesso a via Strada Nuova nonostante diventi Ztl, essendo sufficiente il pagamento di qualche decina di euro per ottenere il permesso di accedere e transitare nella via per i mesi di scuola.
Il problema più sconcertante e sconfortante è la maleducazione a cui si assiste, la prepotenza di chi dovrebbe essere il modello educativo delle nuove generazioni.
Il fatto che genitori e nonni portino o ritirino i figli da scuola parrebbe motivo valido e sufficiente per fare ciò che gli pare con la propria autovettura: andare in retromarcia sui sacchi dei rifiuti posti sugli stalli zebrati (una volta ne è stato rotto uno dal quale sono fuoriusciti pannoloni, cateteri e guanti in lattice), spostare a mano o con l'auto i due bidoni del vetro, parcheggiare sui marciapiedi a discapito dei pedoni, etc.
Premesso che non è sicuramente responsabilità dell'Amministrazione la maleducazione dei singoli individui, crediamo invece che esista una grave lacuna della stessa nel controllo della circolazione dei veicoli e della sicurezza in orario scolastico.
Alleghiamo foto (purtroppo non di tutte le situazioni esposte, perché non si è sempre nella possibilità di scattare), ma se ancora non fossero esaustive al fine di farVi comprendere questa reale situazione, Vi invitiamo a presenziare per una settimana negli orari di ingresso e di uscita. Ovviamente a un mese o due dalla ripresa della scuola...all'inizio tutti sono bravi!
Insegniamo ai bambini e ai ragazzi il rispetto del prossimo e del suolo pubblico.
Grazie."

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Andreaparma

    17 Settembre @ 13.50

    Condivido appieno. Non risiedo in zona, ma ho visto con i miei occhi una giovane signora in borgo Lalatta a bordo di un grosso suv parcheggiato sul marciapiedi e che bloccava il passaggio di una carrozzina con a bordo un disabile. Il poveretto non sapeva come fare ed io l’ho aiutato a scendere dal marciapiedi e a risalire, mentre questa, rimirando la scena, ha continuato bellamente a chiacchierare al telefono, disinteressandosi completamente di ciò che stava accadendo, una vera incivile. Ben vengano quindi le multe e i divieti.

    Rispondi

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno