-1°

12°

MILANO

E' morta la modella Imane Fadil, testimone chiave del caso Ruby: "Avvelenata da sostanze radioattive"

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'escursione in Appennino e il sorpasso azzardato vincono le iniziative "Gazzareporter". E ora... mandateci le "Curiosità parmigiane"

DAI LETTORI

Gazzareporter: vincono l'Appennino e il sorpasso azzardato. E ora, "Curiosità parmigiane" Foto

Sette calciatrici che vanno in... rete:  Sara Gama

L'INDISCRETO

Sette calciatrici che vanno in... rete

Via Reggio: il 14esimo compleanno del Jamaica Pub - Ecco chi c'era alla festa: foto

PGN

Via Reggio: il 14esimo compleanno del Jamaica Pub Ecco chi c'era alla festa: foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Antonia" la custode della tradizione di Parma

CHICHIBIO

"Antonia", la custode della tradizione di Parma

1commento

Ricevi gratis le news
1

La Procura di Milano sta indagando sulla morte di Imane Fadil, la modella di origini marocchine di 34 anni testimone chiave dell’accusa nei processi sul caso Ruby, deceduta lo scorso primo marzo all’Humanitas dove era ricoverata da fine gennaio scorso. Lo ha riferito il procuratore di Milano Francesco Greco, spiegando anche che la giovane aveva detto ai suoi familiari e avvocati che temeva di essere stata avvelenata.  Sul corpo è stata disposta l’autopsia. La Procura di Milano indaga per omicidio volontario. Da quanto è stato riferito in Procura, dalle cartelle cliniche è emersa una «sintomatologia da avvelenamento». Sempre secondo la procura,  Imane Fadil è morta il primo marzo dopo «un mese di agonia». Secondo le indagini, la modella marocchina, ricoverata all’Humanitas di Rozzano (Milano) il 29 gennaio prima in terapia intensiva e poi rianimazione, è stata vigile fino all’ultimo, nonostante i forti dolori e il «cedimento progressivo degli organi».

Fadil morta per sostanze radioattive

E’ morta per un «mix di sostanze radioattive» Imane Fadil, la modella testimone chiave nell’inchiesta sul caso Ruby, deceduta lo scorso 1 marzo. E' quanto è emerso dagli esiti degli esami tossicologici disposti lo scorso 26 febbraio dai medici dell’Humanitas di Rozzano ed effettuati in un centro specializzato di Pavia. Esiti arrivati il 6 marzo e trasmessi immediatamente dallo stesso ospedale alla Procura di Milano. Lo ha appreso l’ANSA da fonti qualificate.

«Al decesso della paziente, il 1 marzo scorso, l’Autorità Giudiziaria ha disposto il sequestro di tutta la documentazione clinica e della salma. Il 6 marzo, Humanitas ha avuto gli esiti tossicologici degli accertamenti richiesti, lo ha prontamente comunicato agli inquirenti». Lo spiega l’Humanitas di Rozzano dove era ricoverata Imane Fadil, teste chiave del caso Ruby. L’ospedale «ha messo in campo ogni intervento clinico possibile per la cura e l’assistenza» della giovane. (ANSA).

In un'intervista: "Ho detto la verità e sono finita fuori processo"

"Io ho detto la verità in questi anni e le altre hanno raccontato il falso ai nostri danni, in quanto erano pagate per farlo. E come è possibile, poi, che per 5 mesi ci sia stata una proposta di trattativa per risarcirci della signora Mariarosaria Rossi e di colpo all’ultima udienza c'è stata la nostra estromissione discutibile dal processo?». Sono queste le parole che Imane Fadil, la modella teste chiave nei processi sul caso Ruby e morta il primo marzo per un sospetto avvelenamento, aveva rilasciato all’ANSA lo scorso 15 gennaio, un giorno dopo la decisione dei giudici di escludere, su istanza della difesa di Silvio Berlusconi, lei, Ambra Battilana e Chiara Danese da parti civili nel dibattimento sul caso Ruby ter con al centro le accuse di corruzione in atti giudiziari e falsa testimonianza.
Fadil aveva parlato delle trattative degli ultimi mesi per risarcimenti extragiudiziali alle tre giovani e che erano emerse a settembre, quando in aula le aveva rivelate la difesa della senatrice di FI Rossi, stretta collaboratrice dell’ex premier e imputata per falsa testimonianza. «La difesa Berlusconi ci contatta il 4 luglio scorso - aveva affermato la modella - per una proposta di risarcimento per farci uscire dal processo, proposta dalla quale si evince che Mariarosaria Rossi esprime la volontà di pagare per tutti gli imputati, cosa che non si può fare a livello legale. Lei, infatti, non essendo un ente assicurazioni, poteva limitarsi a pagare solo per sè, affinchè io ritirassi la costituzione di parte solo nei suoi confronti. In tribunale - aveva aggiunto - sapevano tutti di questa proposta prima che venisse palesata in aula».
Fadil aveva fatto notare anche che «la giustizia ha affermato con varie sentenze che io ho detto la verità» nel caso Ruby sulle serate ad Arcore e che lei ha dovuto anche «respingere e subire tentativi di corruzione». A differenza di quanto detto «dalla difesa di Berlusconi - aveva proseguito - noi, però, in 9 anni di questi processi a Milano non abbiamo ricevuto un centesimo di risarcimento, almeno parlo per me».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Francesco

    16 Marzo @ 11.03

    brundofrancesco@libero.it

    C'è puzza di bruciato, un omicidio da servizi segreti, solo loro maneggiano materiale radioattivo e sanno dove trovarlo.

    Rispondi

Lealtrenotizie

Via San Leonardo, ciclista travolto da un'auto: è in Rianimazione

incidente

Via San Leonardo, ciclista travolto da un'auto: è in Rianimazione

GATTATICO

Ritrovate le preziose chitarre da collezione rubate a Felino

CANTIERE

Il PalaRaschi tornerà ad avere 3000 posti

SALA

Carabinieri da Csi: arrestano il ladro analizzando le tracce di sangue

Solo 11 nozze

A San Secondo non ci si sposa più

SOLIGNANO

Addio a Sandro Masotti

FIDENZA

Lorenzo, da «Quelli che il D'Annunzio» a Montalbano

Intervista

Roberto Tagliavini: «La gioia (e l'ansia) di tornare a Parma»

Il personaggio

Laura Gemma Pioli, youtuber del grande calcio a Londra

La storia

Ermanno Cuoghi, lo «scudiero» di Niki Lauda

meteo

Allerta siccità per il fiume Po: è 7 metri sotto lo zero idrometrico Video

1commento

GUP

Alluvione 2014: "non luogo a procedere" per Pizzarotti. Il sindaco: "Cancellati 5 anni di attacchi" Video

Stessa decisione anche per i 4 dirigenti finiti sotto inchiesta

3commenti

via venezia

Pluripregiudicato ruba al supermercato: arrestato

1commento

Regione

Difesa del suolo e danni da maltempo: 115 interventi nel Parmense (più il Baganza)

Truffe

Finti spedizionieri derubano le aziende

Elezioni

Candidati sindaci: ecco tutti i nomi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

«Sblocca cantieri»: Governo alla prova

di Stefano Pileri

LA BACHECA

Ecco 56 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

ROMA

Bimbo immunodepresso torna a scuola: tutta la classe si è vaccinata

OLANDA

Preso Gokman Tanis, il killer del tram a Utrecht: tre morti. "Ha sparato per motivi familiari"

1commento

SPORT

SERIE A

Caso Icardi, Wanda Nara: "Vicini alla pace con l'Inter. Non è un problema di soldi"

PRIMA CATEGORIA

Fidenza, pareggio su rigore col Rottofreno Video

SOCIETA'

LA CURIOSITA'

Le monetine da 1 e 2 centesimi del 2018: poche ma… costano

Molestie

Il #meetoo colpisce ancora: licenziato il capo degli studios della Warner

MOTORI

ANTEPRIMA

Ecco T-Cross, il piccolo Suv di Volkswagen

MOTORI

Techroad: Dacia si veste di rosso (e costa solo 3 euro al giorno)