17°

30°

via d'azeglio

Stop alcolici dopo le 23: "Così io fallisco"

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' il giorno di Cristiano Ronaldo a Torino. Primo autografo a un bambino

Sport

E' il giorno di Cristiano Ronaldo a Torino. Primo autografo a un bambino Foto

Il battesimo reale del principe Louis: le foto

LONDRA

Il battesimo reale del principe Louis: le foto

Modelle e mode estive

MODA

Il bikini "girato" che non intralcia l'abbronzatura: ecco come fare Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La favola di Natale dei Pogues

IL DISCO

La favola di Natale dei Pogues

di Michele Ceparano

Ricevi gratis le news
37

Stop alle bevande alcoliche dopo le 23 nei locali di via D'Azeglio di fronte ai portici (leggi la notizia), il Tar boccia il ricorso e i locali coinvolti (di fatto sono tre) non si arrendono. Il primo ad annunciare (via facebook) "battaglia" (va detto tra virgolette, visto che i suoi toni sono tranquilli e propositivi) sfogandosi al limite della resa è Mattia Schiaretti, proprietario del Mama Café. Decine gli attestati di solidarietà e svariate testimonianze e suggerimenti.  "Intendiamo andare avanti con gli avvocati", spiega al telefono. E il plurale coinvolge anche lo staff del Surfer's Den, il bar a fianco.  Mattia poi intende "incontrare il sindaco, non per puntare il dito ma per spiegargli che un provvedimento del genere equivale ad abbassare la nostra saracinesca". Di fatto "Chi vuole bere basta che faccia dieci metri e trova tanti bar aperti. Nulla contro quei locali, anzi, ma per noi equivale alla chiusura".  Schiaretti (volto noto della movida da anni) sottolinea: "Chiunque voglia intraprendere campagne o iniziative ci trova pronti a sostenerlo. Iniziative civili per questa ingiustizia non posso che condividerle". 

Il testo del post

》》》LA MORTE DEI MIRACOLI《《《

ABBIAMO PERSO!
IL COMUNE HA VINTO
Non so cosa dire...
Sono affranto,deluso,sconfitto,demoralizzato,sfiduciato senza piu un briciolo di energia x sorridere o vivere
Vedo il mio lavoro andare a fuoco..i miei sforzi e quelli di Marco Barbarini andarsene via ..
Quegli anni in cui ci siamo fatti 98 ore settimanali a testa solo per poter ripagare i debiti..sforzi che nn sono serviti a nulla..
E ora che ero quasi arrivato alla fine devo dichiarare FALLIMENTO
Un fallimento non dettato dall incapacita di lavorare ma dettato da stupidi bambini che ogni giorno vanno in comune a piangere e battere i piedi fino al punto da sfinire la giunta comunale che prova in qualsiasi maniera ad accontentarli..tutto ciò a discapito di NOI GIOVANI che in una qualche maniera proviamo ad emergere...
Ho investito tutto in questo locale..patendo la fame rinunciando a divertimenti amici morosa..e tutto x cosa?
Non mi vergogno di dire che questo post lo sto bagnando con le mie lacrime...xke si STO PIANGENDO MENTRE SCRIVO
xke nn ce la faccio piu!
Ho provato a lavorare in maniera onesta come i miei nonni e genitori mi hanno insegnato
Perche un tempo se lavoravi onestamente venivi ripagato
Ora invece vieni solo derubato...vedi ituoi guadagni finire in chissà quale tassa..e i servizi che dovrebbero tornarti indietro nn ci sono
Ho rispettato questo stato x anni..e lui nn ha rispettato me
Ora xò BASTA! Mi hanno sempre insegnato a dare rispetto a chi lo meritava
Il mio Stato NON MI RISPETTA quindi posso smetterla di rispettarlo
Non so cosa succedera ora...so solo che me ne voglio stare da solo!!
Nn ho piu forze...
E a 30 anni ritrovarsi a piangere xke nn puoi lavorare e umiliante
Sono stanco..
Vi prego fate voi qualcosa ..xke io nn ce la faccio più
》》》 L INIZO DELLA FINE 《《《

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Claudio

    08 Luglio @ 17.03

    Invece che piagnucolare, alzati prima al mattino e servi tanti tanti cappuccini con brioches! Vedrai che gli affari andranno a gonfie vele (e senza rompere i coglioni agli altri).

    Rispondi

  • giuseppe

    08 Aprile @ 23.00

    Chi ha promosso e organizzato questa puerile pantomima ha già un nome e un cognome: a lui e solo a lui verrà addebitato ogni disordine che ne scaturirà. La questura andrà a colpo sicuro! Forza, fate casino il più possibile!

    Rispondi

  • LaoTzu

    08 Aprile @ 06.09

    Si parla di centro strorico che "muore" dal punto di vista abitativo, generato soprattutto dal degrado e dagli schiamazzi notturni che rendono alcune zone del centro storico invivibili. Bene dunque il divieto di vendere alcoolici dopo una certa ora, provvedimento che dovrebbe essere esteso a tutto il centro storico, e bene la sentenza del TAR!!! Basta schiamazzi notturni, la gente di notte, a casa propria ha il diritto di dormire in santa pace!!!

    Rispondi

  • Lebowski

    08 Aprile @ 04.15

    Parma è una delle città più pallose del mondo. A bologna i pub in centro storico chiudono alle 3 di notte durante la settimana e alle 4/5 il weekend. Ogni sera c'è almeno una discoteca aperta in pieno centro fino alle 5 del mattino. Mettete su i doppi vetri così fate pure risparmio energetico e smettetela di rompere i c.......

    Rispondi

    • Angelo

      08 Aprile @ 13.43

      Doppi vetri, rivestimenti insonorizzanti, tapparelle pesanti tappi nelle orecchie già messi ma purtroppo non funzionano.

      Rispondi

    • salamandra

      08 Aprile @ 09.44

      Se per divertirti hai bisogno di ubriacarti credo che dovresti iniziare a farti delle domande...

      Rispondi

    • giuseppe

      08 Aprile @ 09.04

      @ Lebowski: Tu sì, che sei in...odore di Premio Nobel! Se a Bologna si sta tanto bene, allora perché non ti trasferisci là?

      Rispondi

  • GioNoxe

    07 Aprile @ 20.51

    jovisglans@outlook.com

    I commenti qui sotto sono a mio parere inaccettabili. è stato di fatto bloccata l'attività di 3 commercianti che hanno il sacrosanto diritto di esercitare e vendere alcolici a chi vogliono e fino ad ora di chiusura. Capisco un residente che cerchi la sua quiete ma non esagerate con le accuse: dentro alla movida, gli incivili sono la minoranza (per fortuna) e loro sono i veri responsabili della situazione che si è venuta a creare. In molte città europee, in una via come Strada d'Azeglio, con tanti locali, ci sono agenti della polizia o ausiliari della sicurezza che salvaguardano la civiltà e la decenza. Io credo che il responsabile vero sia il comune che intende solo lavarsene le mani (ho detto, basta una sorveglianza) e i residenti, invece che accusare i baristi e rischiare di fare fallire l'esercizio di un giovane imprenditore (molti hanno ricordato i sacrifici fatti per ottenere le loro abitazioni, appunto!), accusino il ponzio pilato in questione: il comune o chiunque sia il responsabile della sorveglianza! Che poi se ci pensate bene, in altre zone dove non c'è movida, credete davvero che i residenti si sentano al sicuro e non ci siano scene di degrado? Provate ad andare alla stazione, via Trento, Paradigna..... Date la colpa a chi la ha veramente, non ai commercianti.

    Rispondi

    • giuseppe

      08 Aprile @ 09.41

      @ GioNoxe: ti sbagli di grosso! Il "sacrosanto diritto" (testuale) appartiene SOLTANTO ai residenti, lesi in uno di diritti fondamentali garantiti dalla Costituzione (art. 32)! Diritto alla salute! Il divertimento e i bassi interessi di bottega vengono molto molto dopo! Nessun giudice abrogherà MAI un'ordinanza mossa da PREMINENTI ragioni di salute e ordine pubblico (così il Questore): vogliamo scommettere? Mettetevi l'anima in pace e lavorate con più cappuccini e brioches: si guadagna molto bene anche così...Provare per credere!

      Rispondi

Mostra altri commenti

Lealtrenotizie

Dopo il colpo di pistola, l'aggressione con un forcone

Il caso di strada Argini Enza

Dopo il colpo di pistola, l'aggressione con un forcone

Paura

Adolescente scompare nel nulla. Ore di angoscia per i genitori

Salsomaggiore

In vacanza a Peschici, salva un anziano in mare

Il Parma a processo

La Procura: «Pena da scontare in B»

Casalmaggiore

Trova 1.100 euro in strada e li porta ai carabinieri

Agricoltura

Organizzazioni divise sull'accordo commerciale col Canada

Santa Maria del Taro

Addio a Elisa Bottini, scomparsa a soli 37 anni

COLORNO TORRILE

Un comitato contro la fusione

PARMA

Nuovo violento temporale: due alberi caduti, "acqua alta" nei sottopassi  Video

Nel video, il momento più forte del temporale a Coloreto

2commenti

APPENNINO

Grandine e vento, l'assessore regionale: "Entro pochi giorni la prima stima dei danni" Video

L'assessore regionale alla Protezione civile Paola Gazzolo ha visitato Bardi, Calestano e Neviano

gazzareporter

Rami pericolanti: vigili del fuoco in via Mantova

MARTORANO

Spara alla moglie e si getta nel vuoto: lei è salva per miracolo, lui è in Rianimazione

Testimonianza

«Negli ultimi tempi era cupo e nervoso»

Gazzetta domani

Parma a processo, lo stillicidio delle indiscrezioni sulle richieste dell'accusa

PARMA CALCIO

Caso sms, promozione a rischio: Calaiò lascia il ritiro per partecipare al processo

Secondo indiscrezioni, sarà chiesta una dura sanzione per il Parma. Anche per il Chievo è a rischio la serie A

24commenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le donne e quei maschi da educare

di Georgia Azzali

CHICHIBIO

«Trattoria Cattivelli» - Una storia che va oltre la buona cucina

ITALIA/MONDO

Piacenza

Si schiantano contro un albero dopo un folle inseguimento da parte della polizia

PISA

Choc anafilattico: muore dopo la cena

SPORT

CALCIO

E' finita per la Reggiana: salta la vendita, niente iscrizione al campionato

4commenti

Serie A

Gazzola, il Parma nel cuore

SOCIETA'

SALUTE

Due studi universitari: niente fumo e più sesso per un cuore sano

1commento

GAZZAFUN

Le scuole sono chiuse ma gli esami non finiscono mai: oggi quiz di geografia

MOTORI

Motori

Allarme Assogomma: sempre più lisci gli pneumatici degli italiani

ANTEPRIMA

Volkswagen (s)maschera il piccolo Suv T-Cross Fotogallery