16°

29°

PARMA

Filobus in panne: tutti giù a spingere. La Tep precisa

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Ricevi gratis le news
5

L'autobus si ferma: tutti giù a spingere. E' successo l'altro giorno tra via Garibaldi e via Mazzini quando un filobus della linea 1, senza motore ausiliario, è rimasto in panne (a quanto pare si sono staccati i fili): così passeggeri e passanti si sono prodigati per spingere il mezzo. 

La precisazione di Tep

Interveniamo sulla fotonotizia del filobus fermo all’incrocio tra via Mazzini e via Garibaldi con alcune precisazioni che riteniamo importanti, stante l’idea, che da più parti sembra si voglia far passare, che il parco autobus di TEP sia scarsamente manutenuto. Per quanto riguarda il filobus in questione, c’è stato un blocco del reggitrolley, fattispecie abbastanza tipica per questo tipo di vetture. Poiché l’asta non toccava più la linea aerea, si è interrotta l’alimentazione elettrica. La squadra di manutenzione è intervenuta nel giro di 15 minuti, sostituendo il reggitrolley sul posto e riavviando la corsa del filobus rapidamente. Il mezzo, tuttavia, si era fermato all’incrocio tra via Mazzini e via Garibaldi e la sua permanenza in questa posizione avrebbe potuto intralciare il traffico, specie quello dei mezzi pubblici. Onde evitare disservizi e ritardi per i passeggeri in viaggio a quell’ora, il personale presente sul posto ha spinto il filobus indietro di un paio di metri. Le persone ritratte nella foto, infatti sono quasi tutti dipendenti TEP (direttore compreso), fatta eccezione per due cittadini che con spirito di collaborazione hanno voluto dare una mano. Degli altri guasti riportati nella fotonotizia (un vano batteria che si è aperto e una sospensione che si è sgonfiata) non vi è traccia tra quelli registrati in questi giorni. Riteniamo che l’articolo possa far riferimento a due guasti abbastanza banali avvenuti nel 2017, già ampiamente spiegati e chiariti sia a favore di cronaca che in tutte le sedi opportune. Non riteniamo pertanto di dover aggiungere nulla, salvo smentire che sia un fatto di questi giorni, come può sembrare invece leggendo la notizia pubblicata. Un’ultima cosa, invece, vorremmo precisarla. TEP è un’azienda che trasporta persone e che fa viaggiare i mezzi pubblici. Abbiamo oltre 300 bus su strada, in servizio 7 giorni su 7 dalle 6.30 alle 20.00, vetture che percorrono 40.000 km al giorno: un giro del mondo tutti i giorni! I nostri mezzi sono sottoposti ad un numero di sollecitazioni superiori a quelle sopportate da qualsiasi altro veicolo (fermate e ripartenze continue, dossi, alimentazione di apparecchiature elettroniche, dispositivi di sicurezza ecc.). Guasti come quello fotografato o come gli altri citati fanno parte gestione ordinaria di un’azienda di trasporto pubblico e si verificano almeno una decina di volte al giorno, a Parma così come nelle migliori realtà del trasporto pubblico d’Europa e del mondo. E questo nonostante un investimento in manutenzione che per TEP supera i 4 milioni di euro annui. Anche l’automobile più manutenuta occasionalmente si guasta o si ferma, senza che ciò sia imputabile a disattenzione o negligenza del proprietario. Lo stesso accade per gli autobus, qui e ovunque.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Fabrizio

    31 Maggio @ 15.55

    Il mezzo nella foto è un filobus Menarini del 1986: a quel tempo non era prassi dotare i filobus di generatore ausiliario. Quei gloriosi filobus saranno sostituiti da una serie di 10 nuovi filobus privi di diesel ausiliario ma dotati di batteria per cui saranno in grado di muoversi anche in assenza di alimentazione elettrica. E queste scene saranno solo un ricordo

    Rispondi

  • Angelo

    31 Maggio @ 15.32

    Ma volete mettere dei bus diesel nuovi che poi per almeno 30 anni vedremo percorrere le vie di Parma.Si comprano a buon prezzo visto che in Europa si va verso una mobilità sostenibile elettrica e a metano sono oggi un affare.

    Rispondi

    • silviococconi

      31 Maggio @ 18.03

      Sì, ma che inquinamento ... e poi ci si lamenta dell'ozono e dello stop alle auto ! ... Gli autobus dovrebbero essere tutti a metano !

      Rispondi

  • ANONIMUS

    31 Maggio @ 14.53

    Strano..perché sembra un filtobus recente di quelli comodi per anziani per disabili é per donne con il passeggino.quelli delle linee 1,3e 4.

    Rispondi

  • Cirone Furioso

    31 Maggio @ 11.48

    Però tutto sommato è una scena di solidarietà urbana e civile che per certi versi scalda anche il cuore! :-)

    Rispondi

Lealtrenotizie

DOMENICA 1

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

6commenti

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

12commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

6commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Ciclismo

Mondiali di Innsbruck, i convocati di Cassani. Aru ha rinunciato

3a giornata

Roma ko a Bologna, crisi nera. Milan pari. E quel Parma lì, chi l'avrebbe detto Risultati, classifica

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

LA PROVA

Kia Sportage diventa «Mild Hybrid»

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street