Sei in Gazzareporter

"Via Bonomi, da un'ora in attesa. Così si incentiva la differenziata?"

12 maggio 2017, 12:35

Chiudi
PrevNext
1 di 1

"Siamo in attesa da più di un'ora: c'è una fila di 10 macchine e almeno altre tre, vedendo la coda, hanno fatto dietro front. E' così che si motivano i cittadini a differenziare?". La telefonata dal centro di raccolta rifiuti di via Bonomi arriva alle 10, il tono della donna è tra l'arrabbiato e lo sconsolato. "Devo consegnare un televisore. Il signore arrivato per primo ha due taniche da olio. E' possibile che sia tutto così lungo e complicato? C'è dentro un camion da più di un'ora, il cancello è stato chiuso e vediamo tre operatori seduti. Ci dicono che non possiamo entrare per motivi di sicurezza. Ma è una situazione snervante. Tra l'altro, all'ingresso non ci sono gli orari di apertura e qualcuno racconta di essere venuto qui diverse volte. Noi ci siamo attenuti al volantino inviato dal Comune, ma questa organizzazione è davvero pessima".

La replica di Iren

"Questa mattina, presso la il centro di raccolta di Via Bonomi, sono state effettuate operazioni di ritiro dei rifiuti differenziati che si sono prolungate più del dovuto a causa della numerosità dei materiali da avviare al riciclo.

Due mezzi di grande portata adibiti al trasporto del rifiuto vegetale e del vetro stavano provvedendo infatti a ritirare il materiale differenziato ed hanno causato un certo rallentamento nelle operazioni di conferimento dei rifiuti da parte degli utenti in quanto, durante il caricamento dei mezzi, non è consentito l'accesso al centro ne' con auto e neppure a piedi per motivi di sicurezza.

Stante la grande affluenza di pubblico ai Centri di Raccolta, è allo studio una ottimizzazione degli accessi in concomitanza delle operazioni di vuotatura dei medesimi, sempre da attuarsi nel rispetto delle norme di sicurezza in vigore.

Si segnala che in casi del genere sono comunque attivi gli altri Centri di Raccolta di Via Barbacini, Via Lazio e Largo Simonini ai quali ci si può rivolgere per conferire i materiali."