Sei in Gazzareporter

"Via Doberdò, emergenza spazzatura sempre più grave"

26 novembre 2018, 09:50

Chiudi
PrevNext
1 di 3

Scrive una lettrice: "Mi ritrovo a segnalare una situazione per la quale mi sono ripetutamente rivolta sia al Comune che a Iren e per la quale non è stata trovata soluzione e l’emergenza spazzatura è sempre più grave.
Abito nel tratto iniziale di via Doberdò, a due passi da Barriera Saffi e a quattro passi dal Duomo. All’inizio della strada è collocata una campana per il vetro che praticamente non viene  utilizzata per la raccolta del vetro (non sono stata in condizione di fotografare l’interno buio ma garantisco che il vetro non riempiva neanche uno strato del contenitore). Ciò è dovuto al fatto che questo tratto di strada è abitato da circa dieci famiglie, la strada è a senso unico e quindi per depositare il vetro o si va a piedi oppure si fa come me che raccolgo il vetro  nel contenitore e poi vado in auto a quello successivo e lo scarico. Quindi la campana è inutile ma però è diventata punto di riferimento ove quotidianamente si può scaricare impunemente i rifiuti poiché non c’è nessun controllo. Ho segnalato la situazione al Comune ma mi è stato risposto che le campane sono previste in determinati luoghi e da lì non si spostano! Non è neanche stata collocata una telecamera e quindi il luogo è diventato punto comodissimo ove scaricare di tutto.
Le foto che ho inviato si riferiscono alla situazione odierna. Venerdì scorso, dopo l’ennesima mia segnalazione sono stati raccolti i rifiuti ma bastano poche ore e i sacchi di immondizia ricompaiono, anche in pieno giorno. E dopo una settimana guardate quanta se ne accumula! Potrei inviarvi le foto che ho fatto in questi ultimi tempi ma credo che quelle di oggi siano sufficienti per far capire che è una situazione indecente per una città come la nostra. Siamo in una zona vicino al centro ma trascurata sotto molti punti di vista e quindi chiedo il vostro aiuto perché mi vergogno quando amici e conoscenti vengono a trovaci imboccano la strada è sono accolti da questo spettacolo indecoroso."