×
×
☰ MENU

il vino

A. V. Altavigna Lacryma Christi Bianco 2019 - Sorso pieno per questo blend

A. V. Altavigna Lacryma Christi Bianco 2019 - Sorso pieno, beva persistente per questo blend

di Andrea Grignaffini

18 Gennaio 2022,09:30

Terre elettive per i prodotti della terra quelle vulcaniche. Nella difficoltà e nella privazione la terra sussulta e dona frutti inaspettati. Succede quindi che nel territorio vesuviano si appalesi un vino dal nome suggestivo: il Lacryma Christi. Una sorta di simbolo sacro di un’uva che racconta di un suolo vulcanico che nel corso dei secoli è diventato fertile con il susseguirsi di eruzioni che lo hanno arricchito di lava e lapilli trasformandolo in una terra ricca e sostanziosa tanto da ottenere un vino prezioso e unico. Come da leggenda vuole. Anzi leggende.

Come quella che vede Lucifero, l’angelo che disubbidì a Dio, al momento di lasciare il Paradiso ne rubò un pezzetto che portò con sé nella voragine in cui era sprofondato dalla quale si formò il Vesuvio. Gesù riconoscendo che il Paradiso rubato era il Golfo di Napoli iniziò a piangere lasciando cadere le sue lacrime su quelle terre divenute quindi elette.
A Taurasi nell’avellinese, tra le verdi colline dell’Irpinia, negli anni Ottanta, si fa strada nel mondo vitivinicolo Emanuele Sepe, detto Elio, unitamente alla moglie Anna. Elio è un personaggio ricco di passione, di determinazione e di preparazione in campo enologico, arrivando così in breve a diventare un vignaiolo esperto e di grandi capacità. Arrivato agli albori del 2008 si spinge oltre con il nuovo progetto Altavigna passando ai quattro figli il testimone.

Il Lacryma Christi Bianco Dop è un blend da uve Caprettone (80%) e Falanghina (20%), vendemmiato nella prima decade di Ottobre. Dopo la fermentazione in silos di acciaio inox, affina per 60 giorni in bottiglia. Nel bicchiere brilla di colore giallo paglierino intenso con sfumature verdognole; al naso un surplus di profumi di albicocca essiccata ed erbe officinali con note tra il salino e il marittimo in evidenza. Il sorso è pieno, ambrato con un finale di piacevole e lunga persistenza con tocchi amarotici dry.


Sentori - Fruttati e balsamici
Abbinamenti - Pesci e verdure

Voto - 88/100
Prezzo in enoteca - 12 euro
Qualità prezzo - 5/5

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI