×
×
☰ MENU

il vino

Vigna del Lauro Isonzo Friulano 2020 - Vino dalla beva semplice e piacevole

Vino dalla beva semplice e piacevole, agrumata e fruttata

di Andrea Grignaffini

28 Giugno 2022,11:13

Il nome Vigna del Lauro segna precisa la vicinanza di questa pianta molto antica a una vecchia vigna di Tocai Friulano che rilascia intensi profumi speziati.
Siamo nel Comune di Cormons, tra le DOC Collio e Isonzo, quando Fabio Coser, nel 1994, con la collaborazione di un suo grande amico tedesco, Eberhard Spangenberg, importatore di vini italiani, dà vita appunto al progetto Vigna del Lauro. L’azienda, con una superficie vitata di 8 ettari, da subito si avvale della collaborazione della signora Daniela e dei figli Matteo ed Enrico, seguendo i principi fondamentali del rispetto della natura, favorendo tecniche di lavorazione in vigna e in cantina che permetta di sviluppare una viticoltura ecosostenibile a garanzia dell’uomo e del territorio.
Di questa linea scegliamo il Friulano: per comprendere le origini temporali di questo vitigno bisogna arrivare agli anni ‘70 a Conegliano, dove si sono messe in luce diverse somiglianze con il vitigno Sauvignon. Le analisi del DNA effettuate in seguito hanno rivelato che il vitigno Tocai friulano altro non era che il Sauvignonasse, vitigno presente nei vigneti del Bordolese, che arrivò in Friuli, probabilmente assieme al Sauvignon, nel periodo in cui, a metà dell’Ottocento, si iniziarono a coltivare i vitigni francesi nei vigneti friulani.


Dalla vendemmia 2008, dopo una sentenza della Corte Costituzionale, questo grande vino bianco del nord est italiano non si può più chiamare Tocai.
Tornando al Vigna del Lauro Isonzo Friulano 2019 nasce da un territorio esposto a Sud ad una altitudine di 50 metri in una vigna di 25 anni con un suolo ghiaioso, sabbioso e un substrato argilloso. La vendemmia avviene con una attenta selezione del frutto in vigna, a seguire una soffice pressatura, passando poi alla fermentazione alcolica a temperatura controllata in acciaio inox per circa una settimana. L’affinamento avviene su fecce fini per circa 7 mesi e il risultato è un vino piacevole nelle sue note agrumate e fruttate.

voto 84/100

prezzo: 10€

qualità prezzo : 3/5

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI