×
×
☰ MENU

il vino

Vigna Cunial Sidro 2020 -Dolcezza e acidità in equilibrio perfetto

Bere le mele si può. Dolcezza e acidità in equilibrio perfetto

di Andrea grignaffini

26 Luglio 2022,10:39

Stiamo vivendo un momento tra i più affascinanti nel mondo delle bevande. Complici nuove generazioni intraprendenti e creative l’Italia da terra di vino è diventata una sorta di epicentro di una lunga teoria di distillati, birre, liquori, vermut e tanto altro. Fino arrivare al sidro. E la provincia di Parma non è da meno anche per via di esperienze in questo settore già di livello eccellente (pensiamo all’ottimo Tre Rii di Corniglio).
Nella storia dell’umanità, tutto è stato considerato fermentescibile, tutto tra cui il frutto più ancestrale, la mela che, almeno dal VI secolo d. C. era stata sottoposta a una fermentazione indotta quando dalla Biscaglia, o Vizcaya in basco, arrivava in Normandia trasportata dai naviganti della zone di Dieppe nel dipartimento francese della Senna Marittima. Una necessità che è divenuta virtù.


Lo ha compreso bene Gian Maria Cunial noto ai più per essere produttore di vini biologici da vent’anni nel traversetolese, affascinato da varietà autoctone d’uva (vedi la Malvasia Casalini) e da coltivazioni agricole. Tra cui appunto le mele. Ecco allora la nascita di questo sidro secco (a residuo zero) di mele raccolte nell’ottobre 2020. Le mele sono di varietà «antiche» in particolare la Mela Musona e la Mela Zucchella, che sono acidule e succose, e la più nota Mela Cotogna. Tutte hanno un contenuto zuccherino elevato «mascherato» dall’acidità. Passate nella pressa soffice per ottenerne il mosto, questo viene fermentato in maniera naturale (coi suoi lieviti indigeni senza «selezionati» e «attivatori»).
Ottenuta una sorta di base «spumante» è stato rifermentato in bottiglia «champagnotta» con aggiunta del suo mosto che era stato preventivamente congelato per la conservazione. La sboccatura è avvenuta a fine settembre 2021 e il risultato è delizioso: naso perfettamente in linea con un frutto dai leggeri tocchi ossidativi, bocca in cui la dolcezza naturale viene bilanciata da un’acidità perfettamente integrata.

Voto 86/100

Prezzo in enoteca 12

Qualità' prezzo 5/5

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI