Trattoria da Eletta - Un porto sicuro per rivivere le nostre tradizioni

19 febbraio 2020, 09:56

  • Tipologia/ Food
    Trattoria
  • Indirizzo/ Address
    via Campi
  • Località/ Where
    Sala Baganza
  • Telefono/ Telephone
    0521.833304
  • Chiusura/ Closed
    Dal lunedì al venerdì
  • Trattoria
  • via Campi
  • Sala Baganza
  • 0521.833304
  • Dal lunedì al venerdì
Trattoria da Eletta - Un porto sicuro per rivivere le nostre tradizioni
Cucina/ Food
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina/ Wine
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Prezzo/ Price
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
a cura di Chichibio

È un tuffo nel passato o, se preferite, nella storia della ristorazione parmigiana. “Eletta” è infatti un porto sicuro dove trovare il conforto dei piatti della tradizione e questo ormai da moltissimi anni. Le traversie della vita, l’alluvione, il tempo che passa, ma Eletta Violi è sempre nel suo ristorante (ora solo il sabato e la domenica o su prenotazione) con le energie che le vengono dalla passione per la cucina e dall’amore per il lavoro di cuoca. Il camino acceso, le foto di personaggi famosi, le stoviglie col nome della cuoca, le tovaglie bianche di lino, la carta dei vini scritta a mano, a volte poco leggibile, con prezzi onesti. Servizio sbrigativo e corretto e poi Eletta a fine pranzo a salutare e far chiacchiere coi clienti.
La cucina, i piatti
La lista (esposta appena entrati) è quella di sempre, tutto è fatto in casa, la pasta all’uovo è tirata col mattarello. La torta fritta, croccante e un po’ unta, accompagna la spalla cotta tagliata al coltello e un rustico salame; la micchetta di pane comune è perfetta per un discreto culatello e un buon prosciutto di lunga stagionatura. La pasta all’uovo è ottima nelle tagliatelle ai porcini e col ragù di culatello; avvolge con delicatezza il ripieno dei tortelli dove le erbette sono tritate finemente e molto mescolate con la ricotta. Il savarin al riso è una cupola addolcita dalla copertura di prosciutto cotto e buone polpettine e funghi; la bomba di riso è su prenotazione e con piccione disossato; gli anolini sono in brodo di cappone. E’ un piatto di tradizione familiare, delicato e leggero, il coniglio disossato e farcito con verdure, arrotolato, tagliato a fette. Ancora secondo tradizione l’anatra arrosto, asciutta e croccante. E arrosto di vitello ai porcini, fesa di vitello in crema di carciofi, brasato di manzo con polenta.
Per finire
Zabaione freddo al rhum, gelato alla crema, sbrisolona e il “dolce squisito” (mousse al cioccolato, crema chantilly, scaglie di cioccolato). I prezzi: coperto 2 euro; antipasti 5-12; primi 9-14; secondi 10-12; dolci 4-5. Menu esposto, ingresso, bagni, parcheggio comodi.
Non mancate
Pasta all’uovo