Ristorante Don Antonio, a Parma si può gustare la buona cucina siciliana

20 febbraio 2020, 14:53

  • Tipologia/ Food
    Ristorante
  • Indirizzo/ Address
    Via Turchi, 4 - Parma
  • Località/ Where
    Parma
  • Telefono/ Telephone
    0521.1551589
  • Chiusura/ Closed
    Lunedì
  • Ristorante
  • Via Turchi, 4 - Parma
  • Parma
  • 0521.1551589
  • Lunedì
Ristorante Don Antonio, a Parma si può gustare la buona cucina siciliana
Cucina/ Food
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina/ Wine
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Prezzo/ Price
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
a cura di Chichibio

Sono venuti a Parma da Trapani per seguire la carriera del figlio. Sono una famiglia di pescatori e il loro pescato parte ogni giorno per il mercato di Milano: la tappa a Parma diventa ora obbligatoria e quel pesce è cucinato secondo tradizione da un membro della famiglia. Il banco refrigerato all'ingresso della sala da pranzo anticipa quel che ci aspetta: tonno e cernia, sampietro, dentice, ricciola in grandi pezzature; scampi, gamberi rossi, ostriche e tartare varie in ricchi piatti di crudo oppure in preparazioni a tranci.
La cucina, i piatti
Tradizione siciliana (“sicana”, precisa il cuoco) nel segno della semplicità, delle cotture attente, con abbinamenti mirati che non si sovrappongono al sapore e alla qualità del pesce. Grande spazio alla Sicilia nella buona carta dei vini presentata con professionalità da una brava sommeliere, grissini e pane fatto in casa, ghiotta scarpetta nell’olio di Nocellara e deliziose entratine in attesa dei piatti: morbido polpetto alla lucìana, sgombro affumicato con gambero capperi e olive, carnoso peperone al forno con gambero, limone, finocchietto. Ora incuriosiscono la princiseppia (in vero un po’ duretta) con piselli, salicornia, taccole e verdure croccanti e l’anello di calamaro ripieno di verdure e calamari affogati dal sapore evanescente. Molto meglio l’esplosione marina delle barracche (spaghetti) con scampi, ricci di mare e qualche pomodorino in armoniosa composizione. 
Meno interessanti le ganeffe, antico piatto siculo, qui interpretato come gnocchetti con scampi. Molto elegante e delicato il trancio di dentice marinato alla melagrana, passato in padella e servito su un letto di cardo alla parmigiana in inconsueto, azzeccato abbinamento. 
Sodo e saporito il trancio di sampietro semplicemente alla mugnaia con patate.
Per finire
Qualche cioccolatino, un cannolo scomposto e con fichi (che dire, è la moda...), un parfait mandorle e pistacchi, granita al limone o al sedano e finocchio. 
I prezzi
Coperto 3 euro; antipasti 13-20 (16-30 crudi); primi 15-22; secondi 18-38; dolci 8-10; menu 60-80. Menu non esposto, ingresso, bagni, parcheggio comodi.
Non mancate
Barracche, dentice.