Re di Spade, la semplicità servita in chiave moderna e gustosa

16 luglio 2020, 09:31

  • Tipologia/ Food
    Osteria
  • Indirizzo/ Address
    Via Veneto 85 - Rubbiano di Solignano
  • Località/ Where
    Solignano
  • Telefono/ Telephone
    0525.401224
  • Chiusura/ Closed
    Lunedì
  • Osteria
  • Via Veneto 85 - Rubbiano di Solignano
  • Solignano
  • 0525.401224
  • Lunedì
Re di Spade, la semplicità servita in chiave moderna e gustosa
Cucina/ Food
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina/ Wine
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Prezzo/ Price
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
a cura di Chichibio

Un’osteria che vira verso la trattoria, in un casale di campagna con un grande dehors benedetto di questi tempi, tavoli robusti e ben distanziati, i gesti barriera rispettati. Qui Marco Belmonti, cuoco e patron, si divide tra sala e cucina, prende gli ordini, consiglia con tutta la passione possibile e qualche inflessione piacentina che giustifica i tortelli d’erbetta intrecciati a caramella e conditi con burro e salvia (buoni). E’ un locale semplice e senza fronzoli, che è cresciuto nel tempo e che riserva attenzioni e sorprese. Discreta carta dei vini con ampia selezione territoriale e prezzi contenuti.

La cucina, i piatti
Cura nella scelta delle materie prime interpretate secondo i dettami della cucina locale, senza dimenticare fantasia e gusto personale. La soffice focaccia alle olive sostituisce il pane, un assaggio di torta di patate funge da entrée. Poi robusta torta fritta e i salumi locali con una buona coppa piacentina e un tortino di melanzane che rivisita la parmigiana con scamorza e pesto nel segno della leggerezza e del sapore. Anche battuta di Fassona o sformatino di asparagi con fonduta di formaggio. Ancora asparagi in quello che è forse stato il piatto più felice del pranzo: ravioli con equilibratissimo ripieno di asparagi, speck e relativa nota sapido/affumicata sottolineata per contrasto da una opportuna e fresca burrata. Saporoso ragù di maiale nero con verdure di stagione e lamelle di dolce pecorino di Pienza a condire minuscole orecchiette. Delle caramelle s’è detto, quindi anolini in brodo, cappellacci di spalla cotta e tartufo nero. Sono robusti i secondi di carne: guancialini di maiale stufati con sughetto e patate; polpette di cavallo al curry; lumache alla bourguignonne; petto di faraona con spinaci, uvetta, maionese al rosmarino.

Per finire
Meritano attenzione i dolci: è impeccabile la tarte Tatin, qui con pasta sfoglia, mele e gelato; ghiotta la cupola di mousse al cioccolato fondente ricoperta di mandorle e nocciole tritate; classica la zuppa inglese. Sorbetti, un goccio di Chartreuse. I prezzi: antipasti 9 euro; primi 10; secondi 12-16; dolci 4-6. Menu non esposto, gradini all’ingresso, bagni e parcheggio comodi.

Non mancate
Ravioli agli asparagi, Tatin