Sei in Il vino

Lo Schioppettino di Zorzettig, tra mirtillo e pepe verde

di Andrea Grignaffini -

29 agosto 2019, 10:14

Lo Schioppettino di Zorzettig, tra mirtillo e pepe verde

Nel cuore dei Colli Orientali del Friuli, sulle colline di Spessa, la famiglia Zorzettig da oltre un secolo si dedica con grande passione alla viticoltura in un territorio ad alta vocazione enoica. Proprietari di 115 ettari vitati e una produzione di circa 800.000 bottiglie annuali, l’azienda Zorzettig si è imposta nei vicini mercati europei allargando l’esportazione anche in Asia, Stati Uniti e Australia. 
Deus ex machina da una decina d’anni di un così importante progetto e proficuo impegno lavorativo è Annalisa Zorzettig che ha fatto suo il motto «natura, autenticità, evoluzione, qualità». Un ambiente in cui madre natura regala alle vigne una privilegiata esposizione solare, un clima che gode del salmastro del Mare Adriatico e della protezione delle Prealpi Giulie. Proprio le Alpi proteggono le piante dai venti del Nord, mentre la terra, di origine marnosa, è in grado di trattenere l’umidità nei mesi più caldi, facendo sì che la siccità si senta sempre poco in questa zona. 
Allo stesso tempo invece nei periodi di eccessiva piovosità, il terreno è comunque in grado di eliminare naturalmente gli eccessi di acqua. In questo contesto circa il 30% della superficie vitata sono vigne autoctone tradizionalmente a bacca rossa, mentre oggi sono in maggioranza i vitigni bianchi. 
Tra l’ampia gamma proposta va segnalato per originalità lo Schioppettino (10 euro). Un vitigno che va seguito molto in campagna (il migliore proviene dai vigneti di Prepotto), tanto che bisogna tagliargli la punta del grappolo. Il motivo è da ricercare nell’equilibrio strutturale del frutto: la parte finale matura tardi, pertanto va eliminato, avendo raggiunto un quantitativo sufficiente di acini. Questo permetterà in fase di vinificazione di trovarci di fronte a un prodotto meno «appuntito» ma non per questo meno tipico, come dimostrano le sensazioni di mirtillo e pepe verde che sono tra i descrittori più usuali di questa varietà.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA