Sei in Il vino

nel bicchiere

Dal Messico alla conquista del mondo

di Andrea Grignaffini -

14 maggio 2020, 09:12

Dal Messico  alla conquista  del mondo

Il Margarita è uno dei cocktail più conosciuti al mondo, fascinoso, raffinato, elegante, capace di trasformare un aperitivo o un dopo cena in un momento di puro piacere. 
LA STORIA
Nasce in quella terra calda e coloratissima che è il Messico, patria della Tequila, la famosa acquavite distillata dall’agave blu che cresce sull’altopiano dove è dislocata la città di Tequila. Una pianta alla quale occorrono ben otto anni per giungere alla maturazione evidenziando un grosso rigonfiamento nella parte centrale del tronco che viene reciso. Ripulito dalle foglie e trasferito in distilleria dove attraverso i necessari procedimenti di fermentazione e distillazione si otterrà la Tequila: di base incolore e trasparente, forse afrodisiaca, in realtà di finissimo spettro nei casi di alto lignaggio è una componente essenziale per tanti cocktail ed aperitivi. Fra le tante versioni sull’origine del Margarita raccontiamo la storia di un povero pescatore messicano che un giorno trovandosi in città, incrociò la bellissima figlia del governatore di nome Margarita e fu amore a prima vista. Tornato al paesello per dimenticare la fanciulla si diede al bere miscelando tequila con limone, addolcendo il tutto con un distillato dolce e mentre beveva si leccava il palmo della mano su cui aveva posato del sale. I suoi amici curiosi di quel modo di bere accompagnando la bevanda con una presa di sale ne furono subito conquistati e ben presto diventò una moda anche oltre i confini locali. Naturalmente mancavano le dosi giuste per renderlo rinfrescante, dissetante e molto piacevole. Così a città del Messico un barman, tale Carlos Herrera, dosò perfettamente gli ingredienti tanto da conquistare anche il mondo femminile. 
MARGARITA FAI DA TE
La ricetta prevede: 5/10 di Tequila; 3/10 di Triple sec o Cointreau; 1/10 di succo di lime o di limone. Si agitano nello shaker abbondanti cubetti di ghiaccio, si aggiungono gli ingredienti e si versa nella coppetta da cocktail Margarita ben fredda e orlata di sale. La riuscita di questo drink è basata sul perfetto equilibrio degli ingredienti, infatti non deve risultare troppo dolce, troppo forte o prevalere l’acidità del limone. Importante la temperatura molto fredda.