Sei in Il vino

il vino

Salealto 2018 Terre Siciliane Tenuta Ficuzza Cusumano


 

di Andrea Grignaffini -

09 luglio 2020, 08:59

Salealto 2018 Terre Siciliane Tenuta Ficuzza Cusumano

Nella splendida cornice siciliana di Partinico nel 2001 nasce la cantina Cusumano dei fratelli Diego e Alberto che iniziano a gestire con sapienza e lungimiranza 520 ettari di vigneti di proprietà che comprendono un territorio che spazia tra quattro tenute sparse in varie zone anche con elevate altitudini: San Giacomo in provincia di Caltanisetta, Ficuzza in provincia di Palermo, Presti e Pegni sulle colline di Partinico e Monreale. 
le scelte della cantina
Tutte in aree diverse fra loro per clima, altezza e per suoli vocati alla viticoltura che permettono di coltivare varie tipologie di vitigni sia autoctoni che internazionali, senza preclusione di sorta: Nero d’Avola, Syrah, Cataratto, Merlot, Insolia, Pinot Nero, Moscato, Cabernet Sauvignon. Le etichette prodotte parlano di vini identitari in territori diversificati ma con un filo conduttore comune nel segno della filosofia aziendale che parte dal rispetto dell’uva in vigna e nella lavorazione in cantina con una attenzione particolare alla terra che elargisce vini che rispecchiano le scelte produttive dei fratelli Cusumano. 
solealto, ultimo nato
Fra le tante etichette abbiamo scelto l’ultima nata, il Solealto, nato nel «Bosco della Ficuzza» (riserva naturale di 6000 ettari), sulla Piana degli Albanesi in provincia di Palermo in cui sorgeva la Real Casina di caccia del Re Ferdinando I di Borbone. I vigneti sono posizionati ad una altitudine di 700 metri rispecchiando un carattere di matrice di montagna Il nome Salealto identifica già l’identità gustativa del vino che comprende una ricca sfaccettatura che rispecchia i pregi e le virtù di questo territorio vulcanico dell’Etna. Un vino in tiratura limitata di 5000 bottiglie ottenuto da uve Inzolia, Grillo e Zibibbo (in parti uguali) vinificati insieme solo successivamente a una vinificazione separata. Si presenta strutturato ma elegante soprattutto per l’accentuata salinità di cui sopra, ma perfettamente integrata in un agrume solare, vigoroso e potente.