Sei in Il vino

IL VINO

Esperanto Offida DOCG Rosso, azienda Ciù Ciù


 

di Andrea Grignaffini -

15 ottobre 2020, 10:08

Esperanto Offida DOCG Rosso, azienda Ciù Ciù

Una formula semplice e funzionale fa da solida impalcatura all’esperanto, la più diffusa tra le lingue ausiliarie. Lingua pianificata, sviluppata sullo scorcio del XIX secolo dall'oftalmologo polacco di origini ebree Ludwik Lejzer Zamenhof, (che pubblicò la prima grammatica nel 1887), ha una grammatica di grande essenzialità. Il criterio della massima internazionalità alla base della forma e del significato delle radici consente, tramite una serie determinata di prefissi e suffissi, così come per le lingue agglutinanti, di dar vita a un considerevole numero di parole che arricchiscono la lingua. Scopo di questa lingua è far dialogare i diversi popoli cercando di creare tra di essi comprensione e pace con una seconda lingua appartenente all'intera umanità. 

L'ESPERANTO ENOICO
Dovessimo parlarne in termini enoici, potremmo definire l’esperanto come un uvaggio così composto: in gran parte da latino, lingue romanze (in particolare italiano e francese), lingue germaniche (tedesco e inglese) e slave (russo e polacco). Il riferimento al vino però non è azzardato. L’azienda biologica marchigiana Ciù Ciù ha chiamato “Esperanto”, l’Offida DOCG Rosso, costituito da Montepulciano (85%) e Cabernet (15%) vinificati in purezza utilizzando barriques di rovere selezionate. Uniti poi, fanno due anni di invecchiamento e tre mesi di affinamento in bottiglia. All’esperanto, idioma in grado di accomunare popoli e culture, si è ispirata l’azienda per questo vino in cui le forti radici territoriali si uniscono a suggestioni internazionali. 

ECCO IL 2011
Esperanto 2011 è di un bel rosso rubino scuro; al naso ha note di marasca, e spunti speziati e balsamici. In bocca ritorna la marasca matura un quid di erbaceo, appena amaricante, bilanciato da una lieve vaniglia su cui si innestano note di liquirizia e la freschezza del cardamomo, L’alcol (15 %vol.) perfettamente integrato dà piacevolezza al sorso. 
 

ABBINAMENTI
piatti di gusto a base di carne

SENTORI
di marasca matura, speziati e balsamici