Sei in Il vino

IL VINO

Pinot nero e Chardonnay per questa bollicina che ammicca ai classici

lta Langa Oudeis Brut 2016 Enrico Serafino
 

di Andrea Grignaffini -

05 novembre 2020, 10:21

Pinot nero e Chardonnay per questa bollicina che ammicca ai classici

«Sono cresciuto con una madre italo-americana e sin da bambino sono stato influenzato dalla sua cultura del cibo e del vino. Quando ero piccolo la maggior parte dei miei amici voleva crescere per diventare un pompiere. Io, invece, volevo diventare un produttore di vino. Acquisire una cantina in Italia era un sogno delle mia famiglia da molto tempo e la Enrico Serafino mi ha aiutato a raggiungerlo». Queste le parole di Kyle Krause, presidente del Parma che insieme alla cantina Vietti di cui abbiamo scritto acquistò appunto anche questa «casa». 

La storia
Un’azienda fondata nel 1878 dall’imprenditore Enrico Serafino a Canale d’Alba, sulla sponda sinistra del fiume Tanaro, che diventò nel tempo la Cantina più antica del Roero e una delle prime Case Storiche Piemontesi. Già dall’inizio il sogno di Serafino era produrre all’interno delle gallerie sotterranee ottocentesche della propria cantina vini pregiati e unici: Barolo, Barbaresco, Cuvée di Metodo Classico. Viene ancora utilizzata la cantina di un tempo per una produzione annuale di 350.000 bottiglie ottenute dalle uve delle migliori aree viticole del Piemonte di cui 25 ettari vitati di proprietà delle zone del Barolo, Langa, Roero, Alta Langa e 35 ettari da conferitori. La cantina formata da grotte sotterranee è disposta su tre livelli con attrezzature tecnologiche all’avanguardia affiancate da botti per l’affinamento dalla produzione di vini di alto pregio mediante una deroga essendo il Comune di Canale non inserito nelle due Denominazioni: Barolo Docg e Barbaresco Docg, a dimostrazione dell’alta qualità dei vini della Cantina Enrico Serafino.

L'alta langa Oudeis Brut 
Oggi però scriviamo di uno spumante: Alta langa Oudeis Brut 2016, in prevalenza Pinot Nero e aggiunta di Chardonnay. La permanenza sui lieviti è di almeno 36 mesi poi liqueur d’expedition a base di soli vini di riserva e zucchero. Al naso fiori e tostature di pane, in bocca la parte agrumata s’intreccia con la ripresa della note succitate del bouquet.
 

ABBINAMENTI
aperitivi, antipasti


SENTORI
floreali, tostati
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA