Sei in Il vino

Nel bicchiere

In questi giorni cupi ecco un liquore storico, da meditazione

19 novembre 2020, 09:30

In questi giorni cupi ecco un liquore storico, da meditazione

di Andrea Grignaffini

Il Genepì è un liquore tipico delle zone alpine in particolare nelle Alpi occidentali, Piemonte e Valle d’Aosta. Il nome si riferisce a particolari erbe alpine come l’Artemisia (della famiglia delle composite) e si ottiene mediante infusione. La preparazione prevede l’essicazione e poi la macerazione in alcol per quaranta giorni dei vegetali, quindi si passa alla diluizione in acqua e zucchero per abbassare il tasso alcolico. Il risultato è un liquore di colore brillante, paglierino che vira al verde scarico, dal gusto inconfondibile rotondo pieno e amarognolo, abbisogna poi di un certo tempo di affinamento per esaltarne le sue proprietà. 
Tradizione alpina
Molto antica la storia del genepì legata alla tradizione popolare la cui produzione era determinata dalla quantità di erbe raccolte ad alta quota dai montanari. Risale al 1928 la dichiarazione sulle limitazioni rigorose di raccolta delle piante protette che venivano coltivate. Nel 2014 il Genepì ottiene il riconoscimento di Indicazione Geografica (I.G.) prendendo il nome di «Genepì delle Alpi» oppure «Genepì des Alpes». Una nota storica risalente a metà Settecento notifica la Val Chisone, in provincia di Cuneo, come la madre del Genepì per opera di un notaio appassionato di botanica, tale Giovanni Stefano Pin, grande estimatore e ricercatore di erbe che tramite distillazione in alambicco le aveva tramutate in un ottimo liquore. Il successo fu tale che i suoi discendenti fondarono una distilleria e il Genepì ampliò il suo raggio di appassionati. 
Scegliamo tra i tanti una piccola produzione della Valle: Officinali del Bianco. 
Dalla Val Ferret
Il loro Génépy Blanc du Blanc si basa sull’acqua purissima della sorgente di Courmayeur per ottenere la freschezza cristallina delle alte quote. Comprendiamo dalle sfaccettature perché l’Artemisia nell’antichità fu denominata «erba magica». Al naso delicatezze floreali si intrecciano tra note di campo e di terra che tornano nel sorso immediato e fragrante.


ABBINAMENTI
Meditazione

SENTORI
Floreali, radiciosi