×
×
☰ MENU

Fontanellato

E' morta Lorella Orlandelli, faceva sempre tutto con il cuore

E' morta Lorella Orlandelli, faceva sempre tutto con il cuore

di Chiara De Carli

19 Gennaio 2022,03:01

Fontanellato E’ stata un fulmine a ciel sereno per tutti la notizia, arrivata nelle prime ore del pomeriggio di ieri, della morte di Lorella Orlandelli, 62 anni fra poco più di una settimana, fontanellatese da sempre e indimenticata assessore al Commercio del Comune di Fontanellato.

Esponente del Partito socialista, la Orlandelli aveva iniziato il suo impegno pubblico nel consiglio di amministrazione della casa per anziani Peracchi e nel 2006 si era candidata al fianco di Maria Grazia Guareschi, in corsa per il secondo mandato. Una volta eletta, le è stato affidato l’assessorato allo Sport e al Commercio, ruolo che manterrà anche all’interno della giunta Altieri fino al 2014.

«Le piaceva il contatto con la gente e nel ruolo di assessore ha sempre messo grande impegno e dedicato una disponibilità totale» ricorda la Guareschi, grata per il contributo dato alla sua amministrazione. Cinque anni durante i quali, seduto proprio al suo fianco in consiglio comunale, c’era l’attuale sindaco di Fontanellato Luigi Spinazzi. «Lorella lascia in chi l’ha conosciuta un bel ricordo: era una persona che si faceva volere bene. Come sindaco porgo le condoglianze da parte dell’intera comunità alla famiglia» dice il primo cittadino.

Ed è proprio tutto il paese a stringersi, incredulo, attorno alla mamma Angela, al papà Sergio e al compagno Roberto, in attesa che venga decisa la data del funerale, con una miriade di affettuosi messaggi lasciati sul suo profilo social e sulla pagina facebook Gente di Fontanellato.

La Orlandelli è spirata infatti nel reparto Covid del Maggiore, dove era stata ricoverata d’urgenza qualche giorno fa: il virus, arrivato ad infettarla proprio mentre si stava riprendendo da una polmonite che l’aveva costretta ad un ricovero a Vaio alla fine dell’autunno, ha minato definitivamente un quadro già fragile. «Da quando le era stato tolto l’assessorato non era più stata la stessa: per lei, che aveva dato tutto in quell’incarico, era stato un momento di grande sofferenza e anche la sua salute ne aveva risentito - ricorda Roberto -. Lorella era una persona estremamente generosa e aveva sempre un pensiero per tutti, era solare e positiva. Poteva sembrare una persona semplice ma aveva dei bei progetti per la comunità: quello che faceva lo faceva col cuore». Un impegno che oggi le viene riconosciuto proprio da quei mondi che, da assessore e da cittadina, ha sempre cercato di supportare: commercianti e sportivi.

Ma a piangerla, in tutta la provincia, sono anche gli amici del Partito socialista, primo su tutti l’amico Gianpaolo Cantoni. «Questa notizia mi ha colpito in modo molto duro: era una ragazza solare, splendida e vera. Non l’ho mai vista fare un sotterfugio: era spontanea e sincera. Eravamo amici fin da ragazzini e le affinità politiche ci hanno tenuti vicini: l’estate scorsa eravamo insieme a Fontanellato a raccogliere le firme per il referendum sull’eutanasia. Nel suo mandato era stata capace di far sentire il Comune vicino ai cittadini: una dote molto rara. La voglio ricordare così, serena e allegra come l’ho sempre vista».

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI