Sei in Gweb+

UNIVERSITA'

Mingione & friends: brillano i matematici di Parma

di Katia Golini -

20 maggio 2019, 05:02

Mingione & friends: brillano i matematici di Parma

Brilla ancora la scuola dei matematici dell'Università di Parma. Arriva puntuale come ogni anno la classifica di Leiden, una delle più accreditate a livello internazionale per la valutazione della ricerca. Per quanto riguarda la ricerca di eccellenza, quella determinata dalle pubblicazioni ad alto impatto, che si trovano cioè nel primo un per cento più citato del loro settore, la classifica 2019 decreta un dato: l'Ateneo di Parma, grazie a Matematica, porta a casa un grande successo. Se nel complesso si piazza ad un buon 244esimo posto in Europa, con gli studi di matematica vola tra le vette più alte collocandosi al quarto. La classifica presentata in questi giorni si riferisce alle ricerche nel periodo 2014-2017. Si tratta per Parma di un piazzamento importante che conferma un trend ampiamente positivo che ha visto la scuola matematica parmigiana assestarsi sempre tra i primi posti negli ultimi anni, con un primo posto assoluto ottenuto nel 2016.

A questo successo hanno contribuito alcuni ricercatori del dipartimento, e in particolare Giuseppe Mingione, docente di Analisi matematica, che secondo l'ultima classifica dell'Isi, che cura la banca dati di riferimento mondiale per le pubblicazioni scientifiche, si colloca tra i primi venti matematici al mondo per produzione di lavori ad alto impatto. Non a caso, «corteggiato» dagli atenei del globo, si appresta a tenere una lunga serie di conferenze e di seminari tra Israele, Giappone, Germania, Finlandia, Oxford, Stati Uniti, Svizzera e Cina nei prossimi mesi.

Di fatto, nell'ultima classifica Isi, Mingione presenta da solo più lavori ad alto impatto nel campo della matematica di quanti ne vantino le vicine Università di Firenze, Pisa e Bologna messe insieme. Un dato che viene confermato anche dalla banca dati dell'American Mathematical Society, secondo la quale il professore risulta essere tra i primi matematici con più citazioni al mondo negli ultimi 25 anni. Il professore contribuisce da solo con circa il 20% del punteggio totale dell'Università di Parma su tutte le discipline nel ranking di Leiden.

 

 

Altri matematici parmigiani che secondo la classifica Isi hanno contribuito a questi risultati sono stati i professori Giampiero Palatucci e Paolo Baroni, tutti e due del gruppo del prof Mingione, che hanno firmato, insieme ad altri autori, rispettivamente cinque e tre pubblicazioni di eccellenza.

 

«Sono molto contento che classifiche costruite su parametri oggettivi riconoscano il lavoro che è stato fatto da me e da tutto il dipartimento negli ultimi anni - commenta Mingione -. Questi riconoscimenti sono l'espressione di tutta la comunità scientifica internazionale. Tali risultati, in linea con quelli dei maggiori atenei mondiali, sono il frutto della serietà e della dedizione con cui abbiamo lavorato nel corso degli anni, anche a costo di notevoli sacrifici personali. Non sarà facile confermare questi livelli in futuro perché la competizione internazionale è sempre in crescita, mentre l'Italia sembra non accorgersene concentrata com'è sempre su questioni locali e contingenti. Mi auguro per il futuro che l'Università di Parma incrementi ulteriormente la sua attenzione per la qualità e l'efficienza nella ricerca, anche concentrando risorse sui settori di maggiore impatto».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA