Sei in Gweb+

AMBIENTE

Parma candidata a capitale verde d'Europa

25 maggio 2019, 05:02

Parma candidata a capitale verde d'Europa

LUCA MOLINARI

Parma si candida a capitale verde europea per il 2022. L'annuncio è arrivato ieri mattina da Tiziana Benassi, assessore alle Politiche di sostenibilità ambientale, in occasione del Festival dello sviluppo sostenibile. Al suo fianco Davide Bollati, presidente di Davines, e Maria Paola Chiesi, direttore Corporate social responsibility di Chiesi Farmaceutici.

Durante l'incontro dal titolo «Ambiente e sostenibilità: una sfida della città» - svoltosi all'Ape Parma Museo e moderato da Walter Sancassiani – è stato spiegato che presto verrà ufficializzata la candidatura, da depositare entro ottobre di quest'anno.

Quello di capitale verde europea (European green capital) è un titolo onorifico della durata di un anno, che viene riconosciuto dalla Commissione europea alle città di almeno 100mila abitanti che sanno proporsi come modello nel campo delle politiche ambientali. La valutazione delle candidature è basata su dodici indicatori ambientali. Le città candidate sono chiamate a preparare un report (una sorta di libro bianco) sulle attività svolte e su quelle da promuovere nel campo della sostenibilità come ambasciatori verdi.

«Si tratta di una grande sfida per tutto il territorio – ha spiegato Tiziana Benassi –. Presto ufficializzeremo la candidatura riproponendo il modello vincente che ci ha portati a diventare capitale italiana della cultura nel 2020». L'obiettivo ora è quello di unire le forze per portare avanti la candidatura. «Si tratta di un progetto ancora più complesso rispetto a quello di Parma 2020 – ha sottolineato Bollati – che avrà un forte impatto sulla città per almeno i prossimi dieci anni. Un project manager coordinerà la candidatura e sarà messa in campo una progettualità per ognuno dei dodici indicatori ambientali previsti, analizzando punti di forza e di debolezza della nostra realtà». Fondamentale la sinergia tra pubblico e privato. «Bisognerà coinvolgere interlocutori chiave, ad esempio Iren, gli altri imprenditori e tutte le realtà del territorio interessate alla candidatura – ha proseguito Bollati –. Soltanto in questo modo è possibile vincere questa nuova grande sfida».

Parole ribadite da Maria Paola Chiesi. «La leadership della candidatura dovrà essere in mano all'amministrazione pubblica – ha precisato – Il sindaco e la giunta hanno dimostrato in più occasioni la volontà di promuovere politiche basate sulla sostenibilità e il rispetto dell'ambiente». «La sfida – ha continuato – è quella di promuovere una nuova visione di città. Fare qualcosa di profondamente innovativo, che possa essere da esempio per tutta l'Italia. Per raggiungere l'obiettivo è fondamentale che si promuova una stretta partnership tra pubblico e privato, mettendo in gioco le migliori capacità del nostro territorio».

Per l'occasione sono stati illustrati i tanti progetti messi in campo da Davines, Chiesi Farmaceutici e dal Comune nel campo della sostenibilità. Tra questi c'è il kilometro verde, il parco alberato lungo undici chilometri previsto lungo il lato sud dell'A1.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LUCA MOLINARI Parma si candida a capitale verde europea per il 2022. L'annuncio è arrivato ieri mattina da Tiziana Benassi, assessore alle Politiche di sostenibilità ambientale, in occasione del Festival dello sviluppo sostenibile. Al suo fianco...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal