Sei in Gweb+

Il Parma a Roma

Che bello chiudere senza patemi

26 maggio 2019, 04:59

Che bello chiudere senza patemi

PAOLO GROSSI

Da quando è a Parma, dicembre del 2016, una vigilia come questa Roberto D'Aversa non l'aveva mai vissuta. E così quelli che via via sono stati i suoi giocatori. Da quando è rinato, infatti, solo nel girone di ritorno della serie D il Parma ha giocato qualche partita «inutile» ai fini della classifica. Per il resto ogni volta in cui è sceso in campo i punti pesavano, per non dire dei play-off di C...

Ecco allora che la serenità di queste ore è un parziale premio a tutto il gruppo, che se l'è guadagnato centrando con un turno di anticipo la salvezza.

Poteva farlo prima? Certo che poteva, ma sarebbe stato un miracolo ancora più grosso di quello che alla fine si è realizzato. E stare molto a sottilizzare in questo senso significa avere del tempo da perdere o dell'acrimonia. Meglio godere della non scontata prospettiva di un'altra stagione nel grande calcio. Ci penseranno società e staff tecnico, siamo sicuri, a fare le valutazioni del caso e, per quanto possibile, apportare le necessarie migliorie. Già, perché la gioia per il traguardo tagliato non deve far perdere di vista le enormi difficoltà vissute nel girone di ritorno. Che non si possono imputare solo agli infortuni perché quelli purtroppo non erano mancati neppure all'andata. Sono emersi dei limiti importanti sotto tanti aspetti ma poterci lavorare con calma e soprattutto in serie A è certamente un privilegio.

In questo senso non potrà dire molto la gara di oggi, anche se il tecnico ha annunciato un certo turn over nell'intenzione di fare spazio a chi finora ne ha avuto meno. Giocherà Frattali, forse vedremo, subito o a gara in corso, Machin e Dezi. All'Olimpico ci sarà un'atmosfera strana: la Roma avrebbe ancora un grammo di speranza di arrivare in Champions, ma nessuno ci crede davvero. E' in programma la grande festa per De Rossi che saluta ma anche una esacerbata contestazione alla proprietà. Più sommessamente ha già annunciato il suo addio alla Roma anche un indimenticato ex come Ranieri.

Insomma, si profila una serata del tutto particolare e i crociati saranno presi in un vortice di emozioni tutte da scoprire assieme a più di sessantamila spettatori.

Comunque vada, alla fine ci alzeremo in piedi e applaudiremo Alves e compagni, i tecnici e i dirigenti. Per noi hanno fatto un'impresa, punto e basta.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PAOLO GROSSI Da quando è a Parma, dicembre del 2016, una vigilia come questa Roberto D'Aversa non l'aveva mai vissuta. E così quelli che via via sono stati i suoi giocatori. Da quando è rinato, infatti, solo nel girone di ritorno della serie D il...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal