Sei in Gweb+

Via Trieste

Raid in una cooperativa, svuotata anche la dispensa

19 giugno 2019, 05:04

Raid in una cooperativa, svuotata anche la dispensa

Michele Ceparano

Raid ladresco nella notte: forzate le serrature e rubati strumenti e generi alimentari.

La peggior sorpresa l'ha avuta ieri mattina il personale de «Le Maglidee», laboratorio di maglieria-confezioni su misura per uomo, donna e bambino che ha sede in via Bassano del Grappa, nei pressi di via Trieste, in cui lavorano donne che si trovano in momenti di difficoltà e che fa parte della cooperativa sociale «Fiorente».

Quest'ultima ha come priorità lo svolgimento di attività socio-educative e di formazione al lavoro rivolto a persone disabili adulte.

La porta d'ingresso era infatti stata forzata e pochi secondi dopo la peggiore sensazione si è trasformata in realtà. Una triste realtà.

Di lì erano infatti appena passati i ladri. Gente che non si ferma davvero di fronte a nulla. Anzi, mette nel mirino proprio i luoghi che si occupano della fasce più fragili della popolazione.

Negli ultimi tempi infatti sono stati perpetrati furti ai danni di asili, scuole, centri per anziani e strutture che aiutano disabili e donne in difficoltà. L'occasione, infatti, fa tristemente l'uomo ladro.

Scegliere, inoltre, questi luoghi come obiettivo rende il furto, già gravissimo di per sé, ancora più odioso. In questo caso, oltre ai danni alle porte, i ladri hanno portato via alcuni oggetti molto importanti per la vita della cooperativa.

È Giuseppe Giuberti, il responsabile del progetto, uno che non si perde d'animo neppure in un momento come questo, a stilare il triste elenco. «Ci hanno portato via un computer portatile - spiega con una gentilezza che neppure i ladri sono riusciti a scalfire - e anche un'affettatrice. Inoltre, hanno forzato due porte, con ogni probabilità con un piede di porco. Erano porte che avevamo appena montato».

I ladri non si sono limitati a quello ma hanno anche aperto il frigorifero e lo hanno svuotato.

Così come hanno arraffato diversi generi alimentari dalla dispensa tra cui alcune bottiglie di olio.

Nella vita infatti bisogna pur mangiare, magari per continuare a rubare.

Non è la prima volta che questa cooperativa riceve la visita dei ladri. A tale proposito sospira Giuberti.

«Evidentemente siamo un bersaglio - spiega amareggiato - dal momento che sia in questa sede che in un altro nostro centro in via Venezia abbiamo già subìto dei furti».

Raid a cui non ci si vuole e non ci si deve abituare.

I responsabili della cooperativa, subito dopo l'amara scoperta, hanno denunciato il furto alla polizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Michele Ceparano Raid ladresco nella notte: forzate le serrature e rubati strumenti e generi alimentari. La peggior sorpresa l'ha avuta ieri mattina il personale de «Le Maglidee», laboratorio di maglieria-confezioni su misura per uomo, donna e...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal