Sei in Gweb+

INTERVISTA

Peppe Servillo: «Una canzone può essere un portafortuna»

20 giugno 2019, 05:04

Peppe Servillo: «Una canzone può essere un portafortuna»

MARA PEDRABISSI

La matrice del viaggio l'hanno impressa, “ab origine”, in quel nome collettivo, Avion Travel, visto sull'insegna di un'agenzia viaggi e subito fatto proprio. Felice incipit di un percorso che dura da quasi quarant'anni e domani farà tappa a Parma, tra gli eventi dell'Anteprima 2020. Ne parliamo con Peppe Servillo, artista dallo sfaccettato talento, che degli Avion Travel è voce.

Cominciamo dal gruppo: siete nati a Caserta nel 1980, prossimi al traguardo dei 40 anni, con importanti riconoscimenti in curriculum, tra cui il Festival di Sanremo vinto nel 2000. Eppure vi si percepisce come una band, non seduta sulle cover, ma sempre alla ricerca. E' così?

«E' così, perché nella storia del gruppo confluiscono anche le nostre storie individuali. Ognuno di noi, negli anni, ha attivato esperienze in proprio: Mario Tronco con l'Orchestra di Piazza Vittorio, Ferruccio Spinetti in duo con Petra Magoni, io a teatro con mio fratello Toni ma anche nelle consolidate collaborazioni con Javier Girotto. Le singole esperienze poi sono confluite nel lavoro collettivo, penso anche all'ultimo album “Privé”. In fondo siamo rimasti fedeli allo spirito originario che ci ha mossi, giovanissimi davvero, spinti dall'idea della condivisione e del viaggio perché anche attraverso la canzone “pop”, popolare, si possono esprimere grandi valori, senza necessariamente voler recitare la parte dei professori».

Ha citato «Privé», il vostro ultimo lavoro, dello scorso anno, il primo uscito dopo la scomparsa prematura di Fausto Mesolella. Un fatto doloroso lascia sempre una traccia, come un sasso nell'acqua...

«E' così. Avevamo cominciato a lavorare all'album ancora con Fausto, tanto che quattro brani sono firmati da lui. Poi c'è stato il tempo, lungo, del lutto e, alla fine, abbiamo completato il disco elaborando quell'esperienza dolorosa. Questo perché, come dicevamo prima, la canzone può svolgere anche un ruolo superiore alle aspettative: si può considerare un piccolo oggetto, un portafortuna a volte, che mette in relazione le persone. Riproporre dal vivo i brani di Fausto, come faremo a Parma, è un'esperienza che ci ricongiunge a lui».

Il doppio appuntamento di Parma per la rassegna «Verso Contamina» firmata da Enzo Miceli cade, contestualmente, nella Festa della musica e nell'anteprima di Parma Capitale della Cultura 2020. Un incrocio stimolante...

«Decisamente. Cominceremo al pomeriggio, con l'incontro alla Casa della Musica su “Il germe della ribellione - Le vere armi son la parola, la musica e la poesia”. Sarà una chiacchierata informale con Enzo Miceli, produttore storico della musica pop italiana, su vari temi, anche quelli di cui stiamo parlando ora. Poi alla sera, con il concerto in piazza Garibaldi: con piacere torniamo a suonare a Parma, davanti a un pubblico che sente la nostra musica e ce la restituisce. Il vostro pubblico è abituato alle serate di teatro e di musica; avete dei luoghi fondanti come il Regio e Teatro Due, siete al centro di un tessuto che produce cultura, in senso proprio e in senso ampio, e meritate il titolo di Capitale della Cultura».

Proporrete i brani di «Privé»?

«Proporremo tutto l'album che già presentammo lo scorso anno all'Arena Shakespeare. E faremo i nostri brani storici che il pubblico si aspetta di ascoltare, come “Dormi e sogna”, “Sentimento”. Per noi è un piacere: significa che continuano a avere un senso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

MARA PEDRABISSI La matrice del viaggio l'hanno impressa, “ab origine”, in quel nome collettivo, Avion Travel, visto sull'insegna di un'agenzia viaggi e subito fatto proprio. Felice incipit di un percorso che dura da quasi quarant'anni e domani...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal