Sei in Gweb+

CARABINIERI

Fidenza, dimentica il violoncello in treno. Ma il lieto fine è in musica

02 luglio 2019, 05:05

Fidenza, dimentica il violoncello in treno. Ma il lieto fine è in musica

Dopo che si era accorto di avere dimenticato il suo prezioso violoncello storico sul treno, Marco Andrea Angilella, un quarantenne di professione commercialista contabile con la passione per la musica antica, una volta arrivato a Milano è stato colto dalla disperazione.

Finchè non è arrivata una telefonata dai carabinieri di Fidenza che lo hanno avvertito che il suo violoncello si trovava in caserma, a sua disposizione. Lui non ha perso tempo, precipitandosi a riprendere il suo strumento del valore di circa 100mila euro. Il milanese stava viaggiando in treno e aveva appoggiato il suo violoncello, dentro alla custodia, nell’apposito spazio per i bagagli, ma si era dimenticato di riprenderlo, una volta sceso a Milano.

Dopo avere fatto alcuni passi, si è accorto di avere lasciato il suo strumento sul treno e non ha più capito nulla. Ha iniziato a telefonare a destra e a manca, rivolgendosi anche al comando della Polfer e cercando di recuperare il violoncello.

Successivamente, due fidentine, hanno notato nel piazzale davanti alla stazione ferroviaria la custodia con dentro lo strumento appoggiata a una ringhiera. Così hanno pensato che qualche musicista lo avesse dimenticato e lo hanno portato nella caserma di via Trento, consegnandolo ai carabinieri. Ma nessuno sapeva che si trattava di uno strumento di grande valore. Una delle due fidentine, nel frattempo, ha postato la foto sui social, spiegando anche che il violoncello si trovava nella caserma cittadina e il proprietario l’ha riconosciuto.

Probabilmente, o qualcuno lo aveva visto abbandonato sul treno e ha pensato bene di prenderlo, ma trattandosi di un pezzo difficile da smerciare deve avere deciso di non rischiare e di abbandonarlo, o qualcuno lo ha trovato sul treno e, per liberarsi dell'ingombrante custodia, l'ha scaricato a Fidenza.

Intanto nella caserma, i carabinieri e le due fidentine che hanno rinvenuto lo strumento hanno atteso l’arrivo del proprietario. Non ci ha pensato nemmeno un momento il musicista smemorato una volta arrivato: ha preso il suo violoncello e ha improvvisato un concertino per ringraziare i carabinieri e le due signore. Tutti sono rimasti incantati dalla bravura del violoncellista. Ma non solo: è stato talmente felice di tornare in possesso del suo strumento che ha voluto donare una cospicua somma di denaro, 4mila euro, in segno di riconoscenza, alle due signore che lo hanno trovato e portato in caserma.

s.l.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Dopo che si era accorto di avere dimenticato il suo prezioso violoncello storico sul treno, Marco Andrea Angilella, un quarantenne di professione commercialista contabile con la passione per la musica antica, una volta arrivato a Milano è stato colto...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal