Sei in Gweb+

Il parmigiano morto sull'a22

Cucina, moto e amici: le grandi passioni di Marco Zanardi

20 luglio 2019, 05:08

Cucina, moto e amici: le grandi passioni di Marco Zanardi

Una notizia a cui gli amici non volevano credere. L'uomo morto in quello schianto sull'autostrada, a Verona, mentre stava guidando per raggiungere il Trentino, era proprio Marco Zanardi. La notizia ha lasciato completamente di sasso i tanti che conoscevano e stimavano il 55enne di origini fontanellatesi che negli ultimi tempi abitava nel Comune di Traversetolo. Un uomo legatissimo a Parma e al suo territorio, Zanardi, figlio di Giuseppe che fu presidente dell'Unione industriali. Aveva due grandi passioni: stare con gli amici e la moto. Gioviale, disponibile e grande amante della compagnia, esperto di tutti i segreti della norcineria, aveva intrapreso un'attività legata proprio al maiale.

Competente nel lavoro come dietro i fornelli. «Avevamo da poco organizzato una serata insieme - spiega l'amico Luca Dall'Argine, dell'Antica Hostaria Tre Ville - qui nel mio locale. Una serata che era riuscita perfettamente e in cui ci eravamo davvero divertiti». Quando c'era Marco infatti l'atmosfera era sempre di quelle da ricordare. «Lo conoscevo da una vita - continua il ristoratore di via Benedetta -, da quando ho aperto questo locale nel '91. Quasi trent'anni di amicizia». Mai una discussione o una parola fuori posto. Sempre allegria, compagnia e buona cucina. Tanti i momenti vissuti insieme come quando «a Traversetolo in Corte Agresti abbiamo partecipato alla serata intitolata “Cibo per la mente” o quell'altra volta che siamo andati insieme al Four Seasons, magnifico albergo di Firenze, a trovare un mio ex dipendente che lavorava là».

Tornano ancora le immagini di quell'ultima serata passata insieme, «in cui Marco aveva portato i suoi salumi». E poi quelle delle «“maialate” invernali in compagnia. Di quei momenti era uno dei protagonisti» aggiunge. Passioni che affondavano le radici nella tradizione di queste terre da lui tanto amate.

Tra le sue grandi passioni, inoltre, c'era quella per la moto e in particolare per le Bmw. E Marco era proprio in sella a un modello della famosa casa tedesca in quella maledetta mattinata di ieri lungo l'autostrada del Brennero.

Lavoro, gastronomia, motori, ma anche passione civile. Il 55enne imprenditore scomparso negli ultimi tempi si era infatti avvicinato a Fratelli d'Italia.

«Una persona di valore - dichiara Massimo De Matteis, presidente provinciale del partito guidato da Giorgia Meloni - che si era messa a disposizione con passione ed entusiasmo».

M.Cep.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Una notizia a cui gli amici non volevano credere. L'uomo morto in quello schianto sull'autostrada, a Verona, mentre stava guidando per raggiungere il Trentino, era proprio Marco Zanardi. La notizia ha lasciato completamente di sasso i tanti che...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal