Sei in Gweb+

SALSOMAGGIORE

Turismo termale, Tabiano chiama l'Oriente

08 agosto 2019, 05:03

Turismo termale, Tabiano chiama l'Oriente

Tabiano chiama l'Oriente. Aperture commerciali e turistiche in vista, grandi opportunità all'orizzonte. Potrebbe presto diventare realtà, infatti, il progetto di promozione turistica nel mercato asiatico da parte del consorzio Abitabiano per incrementare le presenze nella località termale.

Se n’è parlato nel corso dell’assemblea dell’associazione nei giorni scorsi e l'operazione ha avuto il benestare del sindaco Filippo Fritelli presente in assemblea. Tutto è nato da un’idea dei salsesi Giancarlo Rocca e Giorgio Fornari che hanno predisposto nei mesi scorsi un business plan con obiettivi, metodi, tempi, costi, ritorno degli investimenti, una rete digitale turistica, relazioni, partnerhip, formazione degli operatori con cui affrontare le esigenze del turismo cinese.

Un progetto da cui Abitabiano prende spunto per cercare di incrementare le presenze nella frazione termale.

«Stiamo cercando di individuare un canale istituzionale accreditato per inserirci nel mercato cinese – afferma la presidente del consorzio Abitabiano, Paola Pioli –. Non è un mistero che nelle metropoli cinesi l’inquinamento abbia raggiunto livelli altissimi che hanno un impatto nocivo sulla salute in particolare dei bambini e di chi soffre di problemi respiratori. Così come non è un mistero che le acque di Tabiano siano le migliori per curare queste patologie. La nostra intenzione è quella dunque, con progetti ad hoc, di favorire e incrementare questo flusso turistico che riteniamo molto importante per la frazione salsese. A settembre avremo una serie di incontri per valutare meglio questa opportunità di allargamento al mercato del turismo asiatico che fino a qualche tempo fa sembrava un traguardo irraggiungibile e ora invece pare essere molto più vicino».

Ad appoggiare l’iniziativa anche l’amministrazione guidata dal sindaco Filippo Fritelli. «Non è un percorso semplice ma grazie ad alcuni contatti che si sono stabiliti si può esplorare questo mercato afferente alla patologia del respiro – sottolinea il primo cittadino –. Attraverso canali ufficiali potremo vendere pacchetti turistici con al centro la cura del respiro. Bisogna ragionare sui bandi e con Tst si può pensare ad una promozione mirata per il 2020. Non bisogna farsi illusioni, però per Tabiano vanno aggiunti progetti mirati e nuovi per allargare l’utenza tradizionale».

M.L.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA