Sei in Gweb+

il caso

Varano Melegari, festa hard al castello. Con polemica

13 agosto 2019, 05:19

Varano Melegari, festa hard al castello. Con polemica

Valentino Straser

VARANO MELEGARI - Gli echi di una festa privata svolta nel castello Pallavicino di Varano Melegari continuano ad alimentare il dibattito in paese. «Un raduno, che guardando semplicemente il sito di chi lo promuove fa comprendere bene le particolari pratiche che caratterizzano questo tipo di serate. Questo avrebbe dovuto far riflettere prima di concedere l’uso del castello», riportano in una interpellanza rivolta al sindaco di Varano, i consiglieri di opposizione Luigi Bassi, Giovanni Bertocchi e Massimo Buzzi.

«Questa serata – proseguono i consiglieri di minoranza nella lettera dove richiedono di avere informazioni dettagliate su quanto avvenuto - ha provocato sdegno e sconcerto tra gli abitanti del paese anche per alcune scene poco edificanti avvenute nelle strade del paese di cui si sono resi protagonisti alcuni partecipanti. Al di là della doverosa lettera di scuse inviata dal gestore e letta dal sindaco nell’ultimo consiglio comunale, si parla anche di danni che sono stati fatti all’interno del castello, di pratiche e situazioni incompatibili con la destinazione di un luogo istituzionale, pubblico, e storico quale è il Castello».

Il primo cittadino Giuseppe Restiani ha ribadito che l’iniziativa era di carattere privato e malgrado atti indecorosi (all'esterno del castello, alle 4 del mattino, alcuni partecipanti alla festa sarebbero stati visti nudi in scene di sesso di gruppo) non sono pervenute denunce né ai gestori del Castello, né all’amministrazione comunale. Dal canto suo, l’associazione che gestisce il castello Pallavicino ha provveduto con sollecitudine ad esprimere «il proprio rammarico per alcuni atti sconvolgenti e ineducati, segnalatici dai cittadini varanesi avvenuti in prossimità del paese e indirettamente collegati all’evento privato». Nel dissociarsi da qualsiasi comportamento che abbia portato disagio ai cittadini e a porgere le scuse per quanto accaduto, l’associazione ha ribadito di garantire «ai varanesi ed alla Giunta comunale che tali disagi non si ripeteranno più in futuro».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA