Sei in Gweb+

cantiere

San Francesco del Prato, la facciata torna al suo splendore

14 agosto 2019, 05:02

San Francesco del Prato, la facciata torna al suo splendore

LUCA MOLINARI

 

La facciata di San Francesco del Prato è tornata al suo antico splendore.

Nei giorni scorsi sono stati tolti i ponteggi e - solo per un paio di settimane - l’esterno del «gioiello gotico» rimarrà visibile in tutta la sua straordinaria bellezza.

A fine mese infatti verrà allestita una nuova - temporanea - struttura per le visite guidate al rosone, che inizieranno a metà settembre.

Per prenotare una visita è necessario aver effettuato in precedenza una donazione attraverso il sito www.sanfrancescodelprato.it, selezionando la sezione «visita al rosone» (la cifra minima è di 10 euro).

Tutti coloro che in questi mesi hanno già donato, selezionando questa opzione verranno contattati per definire i dettagli della visita. Non solo. Nelle prossime settimane verrà montato nell’omonimo piazzale su cui si affaccia la chiesa un infopoint, in cui sarà possibile effettuare una donazione. A settembre, in ogni caso, verranno illustrate dal Comitato per i restauri una serie di informazioni dettagliate su orari e modalità di accesso, oltre al sistema di prenotazione delle visite.

Secondo il programma ufficiale, nei weekend dal 14 settembre al 3 novembre sarà possibile salire in quota e visitare il rosone di San Francesco del Prato. Saranno previste delle visite straordinarie anche in altri giorni della settimana per aziende, scuole e gruppi.

La visita inizierà con un momento introduttivo durante il quale verrà illustrata la storia della Chiesa. A tal proposito verrà installato un box in vetro nel piazzale, dentro il quale saranno raggruppati i visitatori che potranno così effettuare una sorta di pre-visita guardando video e ascoltando toccanti testimonianze. A seguire, i volontari accompagneranno i visitatori in quota dove potranno ammirare tutti i meravigliosi dettagli del rosone. Si tratta di un’opera di Alberto da Verona del 1461, caratterizzata da formelle policrome. Da qui si potrà godere del panorama mozzafiato del centro storico di Parma circondati dalla magia di un luogo unico ed emozionante. La visita dovrebbe durare nel complesso una quarantina di minuti. Il Comitato per San Francesco del Prato è inoltre alla ricerca di volontari - da formare - per garantire delle visite guidate a tutti coloro che vorranno fare una visita in quota. «Cerchiamo volontari per accompagnare i visitatori sui ponteggi – fanno sapere dal comitato – e raccontare la storia di questa straordinaria Chiesa. Chiunque volesse aiutarci può scrivere senza impegno una email all’indirizzo visite@sanfrancescodelprato.it con i propri dati. Verrà quindi ricontattato per illustrargli i dettagli dell’iniziativa, a cui seguirà la conferma o meno della disponibilità a prestare questo servizio».I lavori alla chiesa sono iniziati circa un anno fa, il 3 settembre dello scorso anno. Per riportarla all’antico splendore sono necessari 6,5 milioni: parte dei fondi sono stati raccolti grazie alla Fondazione Cariparma al Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia, alla famiglia Chiesi e ad altri partner.

 

 

 

 

 

 

ARTBONUS: SI PUÒ PARTECIPARE ANCHE COSÌ

 

È possibile sostenere il progetto attraverso una libera erogazione, beneficiando dell’Art Bonus, che consente il recupero fiscale del 65%, in tre anni, dell’importo donato sia da cittadini sia da imprese. BENEFICIARIO DIOCESI DI PARMA

IBAN IT02N0623012700000038406827 c/o Crédit Agricole Italia

CAUSALE Art Bonus – Diocesi di Parma – San Francesco del Prato – Parma

Codice Fiscale o Partita Iva del donante.

 

Per informazioni contattare il Comitato per San Francesco del Prato, via del Prato, 4, Parma.

Sito web: www.sanfrancescodelprato.it - e-mail: info@sanfrancescodelprato.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA