Sei in Gweb+

Calcio dilettanti

Pompini fa sognare il Fornovo Medesano

15 agosto 2019, 05:04

Pompini fa sognare il Fornovo Medesano

Marco Bernardini

Se esistesse la classifica della Scarpa d’Oro tra i dilettanti, sarebbe nettamente il favorito per l’ambito premio.

Simone Pompini, neo attaccante del Fornovo Medesano in Prima categoria, è reduce dalla stagione «monstre» al Tonnotto San Secondo in Prima, con ben 42 reti complessive tra campionato (31 che gli sono valse il titolo di capocannoniere) e Coppa Emilia, fino al 7 aprile, quando si è infortunato al tendine dell’inguine.

Alla fine i bianconeri, pur perdendo la finale play-off con l’Alsenese, hanno ottenuto il meritato ripescaggio in Promozione dove faranno a meno del bomber, classe ‘87, che nell’ultimo triennio ha centrato 94 volte il bersaglio. In totale sono 237 i gol segnati da Pompini che ripartirà dagli ambiziosi rossoblù.

Pompini sta lavorando per recuperare dall'infortunio.

«E’ un percorso lungo, difficile, non sono ancora al 100% ma ora sto bene e devo solo riabituare il muscolo allo sforzo. A livello personale saltare le ultime 4-5 partite mi ha dato fastidio perché avevo un record da inseguire, ma gli infortuni fanno parte del gioco e nella sfortuna mi è andata bene che l'infortunio sia capitato verso la fine».

Nulla può cancellare quanto fatto fino a quel momento.

«È stata un’annata particolare, qualsiasi cosa provassi mi riusciva. I gol li ho sempre fatti ma avevo dietro un’ottima squadra e non mi sono mai accontentato. Voglio recitare la parte del protagonista, fino a quando giocherò cercherò sempre di migliorarmi».

Sarà complicato crescere ancora, in termini di numeri, nella prossima stagione. «Ora è un’utopia, l’obiettivo reale resta quello di arrivare abbondantemente in doppia cifra».

Ora si appresta ad inaugurare un nuovo capitolo della sua carriera. «Avevo tantissime offerte, non è stato difficile scegliere visto che al Fornovo Medesano lo staff tecnico è lo stesso del Tonnotto. Essere la prima scelta dell'allenatore Valenti mi ha dato grosse motivazioni».

Il resto gliele darà un campionato di Prima mai così equilibrato.

«Non ho mai giocato nel girone B che da quest’anno è diventato veramente tosto. Conto 7-8 squadre di livello, forse - ride n.d.r. - aspettavano me per alzare la competitività. Le rivali? Le retrocesse Marzolara e Real Val Baganza, mi hanno parlato bene del Boretto e occhio a Casalese, Povigliese e Viadana che possono dire la loro. Sarà uno stimolo in più poi dimostrare alla mia ex squadra che quella di lasciarmi andare non è stata la scelta giusta».

Un divorzio improvviso giunto a metà estate quando si pensava che il matrimonio potesse proseguire anche in Promozione. «La volontà iniziale di entrambe le parti era di continuare insieme, i numeri dicono che sono stato uno dei principali artefici della promozione poi ci siamo guardati bene negli occhi e abbiamo capito che non c’erano più tutti i presupposti. Una decisione sofferta, lascio un gruppo di veri amici ma ora bisogna voltare pagina e guardare avanti».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Marco Bernardini Se esistesse la classifica della Scarpa d’Oro tra i dilettanti, sarebbe nettamente il favorito per l’ambito premio. Simone Pompini, neo attaccante del Fornovo Medesano in Prima categoria, è reduce dalla stagione «monstre» al...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal